RSA Villa Mercede: da 5 mesi i familiari non possono visitare i propri cari

0

Presso la RSA Villa Mercede, da circa 5 mesi vi è una situazione che non può più essere tollerata: gli ospiti non possono vedere i propri cari! A accendere un riflettore su questa situazione è la Pastorale sociale e del lavoro della Diocesi di Ischia, attraverso anche Marianna Sasso e Pina Trani che dal 13 giugno sono diventate le nuove co-direttrici dell’ufficio di pastorale sociale della curia vescovile di Ischia.

“Una delle grandi emergenze in cui ci siamo imbattute è’ la situazione di Villa mercede..ci aiutate a condividere questa lettera che i familiari hanno inviato alle autorità per essere aiutati a ricongiungersi con gli ospiti?” Scrivono Marianna e Pina, cercando di attirare l’attenzione di tutti.

Ecco il testo diretto anche ai sindaci dell’isola e al presidente De Luca.

​​​​​​​
“Egregi,
I contatti e i rapporti tra le persone affette da patologie degenerative e i propri familiari sono interventi riabilitativi fondamentali, al pari della riabilitazione motoria; la socializzazione e il mantenimento degli affetti sono di fatto terapie che ritardano il decorso delle patologie degenerative.
L’emergenza COVID ha reso necessario un lungo periodo durante il quale è mancato qualsiasi tipo di contatto tra i familiari e i degenti della RSA.
Il Comitato Familiari degli Ospiti di Villa Mercede è consapevole che tale provvedimento si è reso finora necessario per tutelare la salute dei propri cari. Tuttavia, dopo ben 5 mesi di paziente attesa, adesso che l’emergenza si è attenuata, il comitato di fatto chiede che siano ripristinati incontri periodici regolari con i propri cari, allo scopo prioritario di mantenere vivo il legame affettivo e umano con la famiglia, applicando una terapia salvavita fondamentale per la salute degli ospiti della struttura, riducendo il disagio e l’inimmaginabile sofferenza provocati dalla mancanza di cure parentali e il rapido progredire delle patologie da cui sono affetti.
Nessuno più dei familiari ha a cuore la salute dei propri cari, pertanto ci si atterrà alle indicazioni che gli organi preposti indicheranno per effettuare tali visite nella più assoluta sicurezza, quali turnazioni, tempistiche, luoghi di incontro, dispositivi di prevenzione e protezione da adottare.
Rivolgiamo questo appello alle autorità competenti Il Presidente della Regione Campania e al Direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord, che hanno gestito con spirito di abnegazione l’emergenza sanitaria; al Vescovo di Ischia che da sempre ci ha mostrato sostegno; ai sindaci dell’isola di cui molti degli ospiti sono i cittadini più deboli da tutelare, e a tutti coloro che in base alle proprie competenze, possano aiutarci a ricongiungere le nostre famiglie, dopo un momento tanto difficile.
Fiduciosi di una rapida e positiva risoluzione dell’esigenza sentita, certi di un positivo riscontro, l’occasione ci è gradita per salutare distintamente. Ischia, 1 agosto 2020 Gruppo Familiari Ospiti di Villa Mercede”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui