fbpx

Rivoluzione scuole nel comune di Ischia: altri 3milioni per la Giovanni Paolo II

Must Read

Continua senza sosta il lavoro degli uffici comunali di Ischia per rivoluzionare l’edilizia scolastica di competenza comunale.  Al momento, senza considerare i finanziamenti per la progettazione, risultano già finanziate opere per circa 6 milioni di euro che riguarderanno il plesso “Rodari” e il plesso “Giovanni Paolo II”.  Nel frattempo prosegue l’iter della progettazione per la “Scotti” ormai in fase di ultimazione e quindi pronta ad essere candidata per un finanziamento. Tra progetti e opere già finanziate, di seguito si procede ad un riepilogo.

OPERE FINANZIATE

È stato firmato il 30 luglio 2021 il decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, con il Ministero dell’istruzione e con il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri di approvazione della graduatoria ed individuazione in via provvisoria degli enti ammessi a finanziamento, delle richieste di contributo, per il quinquennio 2021-2025, per progetti relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei comuni destinati ad asili nido e a scuole dell’infanzia e a centri polifunzionali per i servizi alla famiglia.

Il comune di Ischia risulta beneficiario di un finanziamento di circa 3.000.000 di euro per le opere relative al plesso scolastico “Giovanni Paolo II”. Il progetto  segue due percorsi paralleli: il primo è quello della riqualificazione dell’edificio esistente di cui si porterà a nudo la struttura e si interverrà sulle rifiniture interne e sull’aspetto tecnologico; il secondo è quello dell’abbattimento di una parte del vecchio edificio e la successiva ricostruzione che prevederà un ampliamento della superficie al piano terra e un piano sopraelevato. Il nuovo edificio avrà così una forma “scalettata”, con la parte nuova che si svilupperà su due livelli utilizzando la parte preesistente come terrazzo a servizio degli ambienti al piano superiore, che rimarrà di un solo livello. Un’opera di altissimo rilievo che si aggiunge ai lavori di ristrutturazione della “Rodari”, già finanziati per un importo pari a circa 2.700.000 euro; l’inizio dei lavori è previsto a breve.

RICHIESTE DI FINANZIAMENTO

Gli  uffici comunali, grazie al lavoro instancabile dei tecnici competenti,  hanno presentato altri due progetti richiedendo il finanziamento al Ministero dell’Istruzione per l’adeguamento impiantistico e igienico sanitario delle Palestre “Sogliuzzo” e “Scotti” legate rispettivamente ai plessi scolastici “Giovanni Paolo II”  e “Scotti”. Per ciascuna palestra è stato richiesto un finanziamento pari a 350mila euro e si è in attesa di esito del bando. Nel frattempo procede il lavoro dello studio di progettazione Settanta7 per la Scuola Media Scotti ormai in fase di ultimazione e per la quale si prevedono lavori per circa 12 milioni di euro, soprattutto l’opera più importante da un punto di vista non solo economico ma anche sociale.

OPERE IN ESECUZIONE

In queste settimane, sono in corso di esecuzione piccole opere di adeguamento delle strutture gi esistenti sia ai plessi scolastici del Circolo 1 che a quelli del Circolo 2. Tra i vari interventi, di particolare importanza è quello relativo all’adeguamento dell’impianto antincendio dell’Istituto “Buonocore”, anche questo finanziato dal Ministero dell’Istruzione.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»
In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»