Riva Destra, l’AICOM alza la voce: “serve una soluzione immediata”

7

Sul disastro della Riva Destra del Porto di Ischia è intervenuta l’associazione di categoria AICOM, “Associazione Ischia – Commercio, Turismo e Servizi”, che ha scritto al sindaco di Ischia.

«L’AICOM – si legge nella nota firmata dal presidente Marco Laraspata – ha ricevuto moltissime segnalazioni dalle sue imprese associate in merito alle problematiche relative all’alta marea ormai divenuto fenomeno costante della zona Riva Destra. Esprime solidarietà alle aziende che esercitano attività commerciale sulla stessa costrette, oramai da lungo tempo, a convivere con il fenomeno stesso.

Auspica che le autorità competenti pongano in essere, con la dovuta sollecitudine, ogni opportuno e necessario intervento, volto a contrastare e a eliminare la problematica, tutelando il territorio comunale, i residenti della zona e le attività commerciali con i loro dipendenti, evidenziando come l’intera economia turistica dell’isola subisca un danno grave considerata la rinomanza commerciale della zona e il rilevante numero di azienda coinvolte.

Come Associazione rappresentante gli interessi reali della Comunità locale, Le chiediamo di farsi parte diligente e attiva affinché venga trovata una soluzione immediata provvisoria che non sia quella prospettata del percorso (pedana) sopraelevato in metallo e di compiere tutti gli atti necessari nel più breve tempo possibile. Certi di un Suo interessamento, chiedo di poterLa incontrare per esporre il tutto in sede istituzionale. Sicuro di un positivo riscontro , attendo risposta e convocazione».

Speriamo che l’appello di Laraspata non cada nel vuoto come tutte gli altri appelli e richieste di aiuto che vedono il sindaco Ferrandino distante, lontano e impegnato nelle sue dinamiche politiche che fanno male al territorio. Che resta con l’acqua alla gola!

7 Commenti

  1. Invece di sperperare il milione di euro per distruggere piazza degli eroi che per come l’hanno ridotta farebbero bene a chiamarla PIAZZA DEGLI INCAPACI, potevano spenderli per mettere in sicurezza la RIVA DESTRA realizzando uno dei tanti sistemi previsti per evitare le inondazioni.
    Quale occasione migliore per far nascere anche a Ischia il popolo delle sardine?

  2. Il porto NON SI DRAGA, traghetti sempre più grandi SPOSTANO CONTINUAMENTE ENORMI MASSE D’ACQUA IN UN BASSO FONDALE, irresponsabilmentd SI È CHIUSA LA FOCE…. ci si lamenta che l’acqua tracimi? È tutto da ridere.

  3. Al resto della popolazione del comune di ischia che deve andare a guadagnarsi il pane onestamente e per 365 giorni a l’anno (purtroppo I giorni di ferie sono sempre meno), non interessa un bel niente della riva destra. E un problema vostro che non guadagnate il period invernale. Vi fate bastare quelli in piu guadagniati durante il periedo estivo e se non potete fare viaggi a londra o Miami durante l’inverno pazienza! Ma basta col chiedere soluzioni al popolo per i vostri profitti.

  4. Quindi secondo questo sig Fabio, Venezia deve morire, la Riva Destra pure e con le attività tutte le famiglie che ci abitano.
    Stesso discorso per Ischia Ponte e per qualche altra località italiana afflitta dallo stesso problema.
    Credo che nel ragionamento di questa persona ci sia qualche falla!

  5. Ischia ponte e la riva destra non sono venezia ne sono tutto il comune d’ischia. Sono una parte importante per il settore commerciale di ischia. Se per un imprenditore i costi diventino proibitivi allora si trova in altro locale. Non potete affogarvi di profitti per il posto e poi chiedere continuamente aiuto alla communita per continuare a fare i fatti vostri. Visto che vi piace mettere i tavoli sulla banchina un po d’acqua aiuterà a portarli via!

  6. L’occupazione della banchina e quindi del suolo pubblico è disciplinata da un regolamento.
    Gli abusi e i soprusi vanno repressi da chi è preposto a vigilare,ma questo evidentemente è un’altro problema.
    Il fenomeno dell’acqua alta è altra roba e non può essere affrontato con sentimenti di invidia e di rozzezza.

  7. Se doveri essere invidioso di cio che dite di essere vostro allora spetta a voi risolvere il problema e se siete in affitto e pagate una bella cifra di cannone allora chiedete al padrone di casa di pagarvi i danni, vosto che vi ha affittato una sola!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui