fbpx

“Ripartire, ricostruire, rinascere”: Federico Rampini conquista Lacco Ameno

Must Read

Ugo De Rosa | La rassegna letteraria “Ischia libri d’A…mare”, organizzata dall’Associazione Culturale Mare, Sole e Cultura in collaborazione con il Comune di Lacco Ameno e l’Albergo della Regina Isabella ha riscosso grande coinvolgimento e partecipazione martedì 27 luglio, con Federico Rampini, che con il suo libro “I cantieri della storia” (Mondadori) ha intrattenuto il pubblico di Piazza Santa Restituta.

“Ripartire, ricostruire, rinascere. Ne abbiamo gran bisogno. La buona notizia è questa: siamo capaci di farlo. Civiltà intere sono sopravvissute a eventi terribili. Dopo ogni guerra c’è una ricostruzione. Dopo ogni depressione arriva un’età dell’ottimismo e del progresso”. Questa positività nel guardare al futuro dopo storie di tragedie collettive, sconfitte, decadenze, di cui Federico Rampini ha parlato durante la sua presentazione è stata ancora più sottolineata dall’autore grazie alla presenza di tanti giovani che animati dalla conoscenza, dall’interesse per la storia, ha preso parola per porre tante domande di grande attualità.

Una serata “partecipativa” come l’ha definita Rampini durante il suo firmacopie.
La rassegna letteraria “Ischia libri d’A…mare”, organizzata dall’Associazione Culturale Mare, Sole e Cultura in collaborazione con il Comune di Lacco Ameno e l’Albergo della Regina Isabella prosegue la sua XXV edizione con una serata dedicata a “La napoletanità”.
Domenica 1 agosto, alle ore 21.30, in Piazza Santa Restituta (Lacco Ameno – Ischia), Marisa Laurito, autrice di “Una vita scapricciata” (Rizzoli) insieme a Gianni Ambrosino, Direttore TG Canale 21, ripercorrerà i ricordi della sua vita: da Eduardo agli esordi a Cinecittà, ma anche gli amori e le amicizie di un’artista che ha vissuto molte vite.

Il cielo primaverile di Napoli è carico di stelle, mentre da una finestra del centro storico qualcuno intona la romanza di Puccini Vincerò. È sotto questo segno che viene al mondo Marisa Laurito, protagonista poliedrica ed esuberante di oltre mezzo secolo dello spettacolo e del costume italiani.

In Una vita scapricciata si racconta per la prima volta con voce squillante e autentica (pare quasi di sentire la sua inconfondibile r moscia) e con l’ironia che la contraddistingue. A formarle il carattere è Napoli, la città in cui tutto avviene in strada, dove ci si incontra, si grida, si ride, si mangia, si rappezzano i dolori. Marisa diventa così un’anima generosa e riconoscente e, infatti, in questo libro, per parlare di sé, in realtà non fa che evocare le persone e le occasioni che l’hanno ispirata, accompagnata, aiutata nel suo percorso artistico e umano: dall’amica Marina con cui affrontò i primi provini a Cinecittà (con tanto di molestie “d’uso” a cui seppe reagire con personalità) al grandissimo Eduardo, il Direttore, dal viso rosa come la camicia, per il tanto cerone messo negli anni che non andava più via.
Per ciascuno Marisa dipinge un ritratto di spessore arricchito con preziosi aneddoti, dagli episodi vissuti da squattrinata a Roma a un irresistibile déjeuner a casa Agnelli.

Ci sono poi tutti, nessuno escluso, i compagni di quella geniale avventura corale che si sviluppò attorno a Renzo Arbore, che «ha spalancato una porticina nel mio cervello» e «mi ha insegnato a lanciarmi nel meraviglioso cielo dell’improvvisazione». Un sodalizio importantissimo, come quello con il migliore amico Luciano De Crescenzo, con cui Marisa parla ancora oggi all’ombra del Vesuvio, il vulcano fumante che da millenni insegna ai napoletani a ridimensionare gli affanni, a godere attimo dopo attimo e a rinascere ridendo.
La rassegna chiude mercoledì 25 agosto, alle ore 21.30, in Piazza Santa Restituta (Lacco Ameno – Ischia) con Gino Rivieccio, autore di “Siamo nati per soffriggere” (Colonnese editore) che insieme a Gianni Ambrosino, darà vita ad una serata dal tema “Sorridere e riflettere con filosofia”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

E’ morto mons. Regine, la chiesa di Ischia perde un suo pilastro

A 93 anni, Don Giuseppe Regine, parroco della Chiesa di San Vito è deceduto. Un lutto che colpisce l'intera...