Restart”, il progetto Arkè conquista tutti. “Letture in Piazza” perchè ci vuole rispetto

0

Giovedì 23 Maggio gli studenti delle classi seconde dell’indirizzo Tecnico Economico per il Turismo dell’Istituto “C. Mennella” hanno animato la piazza di S. Gaetano di Forio con letture di altissimo valore educativo per l’evento “Letture in piazza”. I ragazzi sono stati coordinati dalla libraia Barbara Pierini.

L’evento in piazza è stato una conclusione festosa ed emozionante di un lavoro svolto a scuola nelle settimane precedenti, in cui gli studenti hanno affrontato, utilizzando il canale letterario, il tema del rispetto, grazie al prezioso lavoro della loro docente Paola Milone.

Gli studenti hanno letto brani tratti da “Il razzismo spiegato a mia figlia” di Tahar Ben Jelloun, il mito greco di Filomene e Bauci, una serie di aforismi sul rispetto.

Le letture in piazza sono state intervallate da intermezzi musicali con il contributo di alcuni studenti e dei docenti Francesco Mattera e Denis Trani.

I passanti si sono fermati incuriositi e coinvolti dall’entusiasmo degli studenti.

“Letture in piazza” è un’iniziativa del progetto “RESTART”, promosso dalla cooperativa Arkè, finanziato dalla Regione Campania nell’ambito dell’avviso “Scuole di Comunità”. Restart è un progetto biennale che coinvolge quattro istituti scolastici: l’Istituto Superiore “C. Mennella”, il Circolo Didattico “Ischia2”, il Liceo “Ischia” e il Circolo Didattico di Barano.

Il progetto è stato ideato in un particolare momento storico per l’isola d’Ischia, il terremoto del 21 Agosto, che ha mostrato anche nella comunità scolastica isolana delle “fratture” rispetto al senso di accoglienza verso che può vivere dei disagi. Era infatti il periodo delle polemiche rispetto ai doppi turni per accogliere chi aveva la scuola inagibile. Analizzando quindi le precarietà del tessuto sociale è stato pensato il progetto Restart, con l’obiettivo di promuovere il rispetto di sé e dell’altro, dell’ambiente e della propria comunità. Promuovendo una condizione di autoconsapevolezza, di benessere e autostima personale si favorisce anche il rispetto dell’altro e l’attivazione di comportamenti prosociali.

Pertanto il progetto Restart prevede attività laboratoriali con gli studenti per promuovere l’autoconsapevolezza, l’empatia, la cittadinanza attiva, esperienze di volontariato con diversamente abili e di salvaguardia dell’ambiente. Saranno coinvolte le famiglie per migliorare il rapporto scuola-famiglia, diminuire i vissuti di isolamento e aumentare le competenze genitoriali. Per i genitori sono previsti seminari, gruppi di sostegno, interventi di educativa domiciliare per le famiglie. Nelle scuole è previsto uno sportello d’ascolto per genitori, studenti e docenti e sarà attivato a breve uno sportello d’ascolto sul territorio rivolto a tutte le famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui