sabato, Giugno 19, 2021

Rammaggio volontari e l’errore della pulizia

In primo piano

Gaetano Di Meglio | Paolo Morgera e gli altri giovani che da settimane si danno da fare per pulire scogli, arenili e altri luoghi pubblici sono da lodare. Anche se credo che il loro apporto sia più deleterio che positivo.
Viviamo in un periodo di crisi, profonda, della pubblica amministrazione. Assistiamo a disastri quotidiani in ogni angolo dell’isola e siamo spettatori di scandali senza che ci facciamo toccare più di tanto.

Il tutto, perché, la maggior parte di questi non ci toccano in prima persona e perché, viviamo lo stesso bene nonostante tutto.
C’è un corto circuito che è bene portare in evidenza e, il fatto che sia legato solo agli eventi di Lacco Ameno è solo una causalità. Quello che scrivo oggi vale anche per quanto fatto a Ischia, a Barano e per quanto verrà fatto, magari, negli altri comuni.
In un periodo, poco chiaro, dove a forza ci vogliono far vivere in una società liquida sarebbe il caso di iniziare, nuovamente, a rimettere su gli argini e iniziare a dirci chi fa cosa.

Lo ripeto, Paolo Morgera e gli altri sono innocenti e, anzi, meritano il nostro applauso. Ma la questione è di più ampio respiro.
Il fatto che un’amministrazione pubblica, qualunque essa sia, ha bisogno della sollecitazione di un gruppo di volontari per rendere pulita le proprie zone turistiche è una vera e propria dichiarazione di fallimento.
Ma davvero dobbiamo credere che i volontari di Paolo Morgera devono dettare il ritmo di una pulizia generale su spiagge e scogli? Davvero il comune di Ischia deve avere bisogno dei volontari per pulire gli scogli sul Pontile Aragonese e quella di Lacco Ameno per ripulire gli scogli – tra l’altro impraticabili – della litoranea?

La verità condanna Enzo Ferrandino e Giacomo Pascale. Così come condannerà Dionigi Gaudioso e gli altri sindaci che dovranno essere sollecitati da volontari e altre forme di iniziativa sociale.
Quale dovrebbe essere il ruolo dell’amministrazione comunale? Quella di farsi due selfie con i volontari per ripulire una spiaggia o una scogliera? Ma davvero un’amministrazione ha bisogno di un’associazione di volontariato per prendere l’iniziativa di ripulire le sue zone turistiche?
Invece di fare i selfie e invece di applaudire, dovremmo pretendere le dimissioni di consigli di Amministrazione e di consiglieri comunali o assessori delegati.

Dovremmo essere una comunità che reagisce. Che accoglie De Luca con gli ortaggi e non che gli stende i tappeti rossi e lo accoglie festante con tanto di sindaco in fascia tricolore (forse violando anche qualche regola!). Dovremmo essere una comunità che si incazza nel vedere pontili zozzi e scogliere invase da plastica e rifiuti e dovremmo pretendere che l’amministrazione di turno se ne occupasse. Purtroppo, invece, siamo una comunità che gli prepara il mucchietto di monnezza dove sindaci e politici possono fare i galletti e possono mettersi in mostra! Dovremmo tornare alla battaglia e alla protesta. Invece indossiamo i guanti e serviamo sul piatto d’argento la giustificazione ai colpevoli e a chi non è intervenuto. Last but not least. E’ vero, se scogliere e pontili sono zozzi la colpa è nostra. Al pari di boschi pieni di rifiuti e di spiagge ricettacolo di monnezza. Questo, però, non ci giustifica quando assolviamo i colpevoli.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Traffico estivo, senso unico in via Tommaso Cigliano

Nuovo provvedimento di disciplina del traffico da parte del comandante della Polizia Municipale di Forio, stavolta per le aree...
- Advertisement -