giovedì, Gennaio 28, 2021

Raffaele Imbò e la barca di bottiglie di plastica

In primo piano

Firme contro il Don. L’addolorata di Forio non si tocca!

Luciano Castaldi | Sono anni difficili, sicuramente interessanti. Ma nonostante tutto, nonostante la pandemia, le restrizioni, le privazioni di...

Casta & Demanio a Lacco Ameno: l’attacco alle concessioni di Sindaco, Assessori e fedelissimi elettori…

Fronte demaniale. L’ultimo attacco alle concessi illegittime e agli abusi politici: Lacco Ameno trema! L’opposizione di Domenico De Siano passa al setaccio i “lascia passare” di Giacomo Pascale

Anteprima. L’ex assessore di Procida Carannante è libero. Annullata l’ordinanza agli arresti domiciliari

Il tribunale del riesame, accogliendo il ricorso presentato dall'avvocato Luigi Tuccillo, ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare agli arresti...
- Advertisement -

Raffaele Imbò ci riprova. Sì, il giovane creativo che lo scorso anno voleva circumnavigare l’isola con una barca fatta di bottiglie in plastica, oggi, ritorna in mare.
“È tutto pronto. Domani (oggi per chi legge,ndr) è un altro grande giorno -dichiara – Come l’anno scorso, partirò per un giro in barca percorrendo l’intero perimetro costiero dell’Isola d’Ischia (36 km circa). A rendere tutto ciò un’impresa non da poco c’è sicuramente il fattore barca: l’ho costruita da solo (senza esperienze solide in campo nautico) e con circa 1000 bottiglie di plastica che formano la struttura. Differentemente dall’anno scorso, i remi sono finalmente più lunghi, alti e comodi. Il sedile è più stabile, smontabile e multifunzione. Più resistente anche la struttura irrobustita da uno scheletro di canne di bambù. Ho alzato i bordi, il tetto e ho risolto altri piccoli problemi che mi avevano dato noia la scorsa estate, quando la testai per la prima volta. Tra questi, uno su tutti che fa sempre ridere: ho comprato le gomme per la chinetosi (il mal di mare), lol.
Il piano è lo stesso, comunque: sostare sulle spiagge prima di completare il giro faticoso. Sarò prudente a sud, dove anime vive e segnale di rete sono come treni nella stratosfera.
Per il resto, vento in poppa a prescindere, cibo in stiva e ci si becca in mare, mentre ci viviamo la vita a suon di onde.
E potopò. E potopò.”

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

S. Angelo, ok all’ufficio informazioni a Cavamare

Il sindaco di Serrara Fontana, Rosario Caruso, ha annunciato la conferma del finanziamento per la realizzazione di un ufficio...
- Advertisement -