Questa pazza piazza degli Eroi: paghiamo due volte l’esproprio ENI?

2

Gaetano Di Meglio | Questa sera, come se niente fosse, il consiglio comunale di Ischia ratificherà la delibera di giunta comunale numero 90 approvata da tutti gli assessori nella seduta del 27 novembre 2019.

La delibera numero 90 riguarda la “Riqualificazione urbana piazza degli Eroi ed aree limitrofe lotto di completamento. Approvazione progetto definitivo. Dichiarazione di pubblica utilità delle opere e dell’area dalle stesse interessata. Provvedimenti consequenziali”.
Prima di leggere cosa ha scritto il comune di Ischia nella sua delibera di giunta, è necessario fare qualche domanda all’assessore ai lavori pubblici, la neo assessora Liviana Nicoletta Buono.

Assessore, leggendo la delibera di giunta che lei ha approvato, sorge qualche dubbio in merito alla sua correttezza.
Proviamo a fare qualche domanda.
Nonostante si tratti di esproprio, l’ente comunale è tenuto alla richiesta della congruità del prezzo dell’acquisto di un immobile all’Agenzia del Territorio?

La relazione in cui Gaetano Grasso esplicita la congruità del prezzo ha un numero di protocollo? Sarebbe dovuto essere esplicitato nella delibera di giunta?

E, soprattutto, visto che lei è stata presentata come un’esperta della materia.

Si può procedere alla dichiarazione di pubblica utilità se non c’è il vincolo preordinato all’esproprio? La delibera non ne fa menzione. Le chiedo, se ha controllato cosa è previsto nel Piano Regolatore Generale? Probabilmente nel PRG è già prevista una previsione dell’opera pubblica, ma è anche previsto l’esproprio di queste particelle e di questo immobile?

Assessore non avrebbe dovuto provvede ad una variante urbanistica semplificata al fine di apporre il vincolo preordinato all’esproprio?

Entriamo nel vivo di altre domande.

Assessora, con gli oneri capitalizzati della concessione si paga l’acquisto o c’è bisogno di integrazioni? Non è chiaro.

Così come, cara Assessora, leggendo la delibera non si rileva mai quale è il valore di esproprio di cui stiamo parlando? E’ il prezzo che troviamo nella quadro B, punto 6.1 “Acquisizione area ed immobile € 302.125,68”

LA DELIBERA
«l’Amministrazione Comunale è particolarmente impegnata nella politica di riqualificazione del territorio, anche mediante interventi di recupero e valorizzazione delle diverse aree del territorio comunale. siano esse centrali o periferiche. che con Delibera di Giunta Comunale n. 11O del 12.12.2016 è stato approvato il progetto esecutivo dei “LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PIAZZA DEGLI EROI ED AREE LIMITROFE -LOTTO I”, redatto dal dott. ing. Francesco Fermo, Responsabile del Servizio 5 e con successiva Delibera di G.M. n. 132 del 27/12/2018 è stata approvata la variante al progetto».
E con questi due atti il prezzo originario di 317,115,28 euro è sceso prima a 296.653,86 per poi lievitare fino alla bellezza di euro 440,131,99. Finanziati con mutui.
Con successiva Delibera n. 15 del 7/03/2019 è stato approvato il progetto definitivo/esecutivo dei “Lavori di riqualificazione urbana Piazza degli Eroi ed aree limitrofe – Lotto Il”, redatto dal dott. ing. Francesco Fermo, Responsabile del Servizio 5.
Questo nuovo atto, fa lievitare il costo dell’opera di ulterior euro 99.100,97 che sono finanziati con fondi comunali.
Il costo dell’opera, per capire, siamo arrivati ad 539.232.96.
Fin qui quello che abbiamo sotto gli occhi.
Per completare la “pazza” piazza degli Eori, però, il comune di Ischia si appresta ad approvare qualche altra somma.

Leggiamo gli ultimi punti della delibera 90.
«Dare atto, infine, che l’opera di “RIQUALIFICAZIONE URBANA PIAZZA DEGLI EROI ED AREE LIMITROFE -LOTTO DI COMPLETAMENTO”, per gli oneri ancora occorrenti, come da progetto approvato, sarà finanziata con mutuo della CDP S.p.A., per il complessivo importo di € 614.979,19;
9) Di nominare il Responsabile del Servizio 5, dott. ing. Francesco Fermo, responsabile unico del procedimento per l’attuazione del progetto che qui si approva;
10) Di prendere atto che l’opera sara finanziata con fondi della cassa depositi e prestiti ed in tal senso dare mandato al rup di attivare tutte le procedure per contrarre il relativo mutuo presso la citata cassa ddpp;
11) Di dare atto che la presente integra e rettifica il programma delle opere pubbliche 2019/2021, con l’inserimento dell’opera pubblica “Riqualificazione urbana Piazza degli eroi ed aree limitrofe -lotto di completamento” e varia il bilancio 2019/2021 come da prospetto allegato;
11) Di dare atto che la presente deliberazione di variazione di bilancio è assunta in via d’urgenza dalla giunta comunale ed è da ratificare in consiglio comunale entro i termini previsti dalla normativa vigente.

Quello che ci colpisce e che è necessario portare in evidenza è il punto numero 8.
“Dare atto, infine, che l’opera di “Riqualificazione urbana Piazza degli Eroi ed aree limitrofe -lotto di completamento”, per gli oneri ancora occorrenti, come da progetto approvato, sarà finanziata con mutuo della CDP S.p.A., per il complessivo importo di € 614.979,19;”
Ci ha colpito perché leggendo la delibera si capisce che il comune di Ischia espropria l’area dell’ENI e si autorizza “al trasferimento in favore del Comune mediante decreto di esproprio della intera proprietà della detta Società, presente in Ischia in adiacenza al Piazzale degli Eroi e meglio individuata nel Piano particellare di esproprio previsto negli elaborati di progetto di cui al precedente capo 1, per il corrispettivo indennitario stabilito nel relazione estimativa allegata al progetto come sopra approvato e nel corrispondente quadro economico; al rinnovo da parte del Comune in favore di ENI S.p.A. della concessione comunale relativa all’impianto di distribuzione carburanti sito in Ischia alla Via delle Ginestre per un periodo di 37 anni»

Stando a quello che si legge si capisce che il comune di Ischia ha valutato l’acquisizione dell’area e dell’immobile per un valore di euro 302.125,68.
E che questo valore, circa 300 mila euro, è sia una voce del mutuo che il comune di Ischia chiede a Cassa Depositi e Prestiti di Euro 614.979,19; sia il valore dell’esproprio di una proprietà di ENI per il quale si provvede “al rinnovo da parte del Comune in favore di ENI S.p.A. della concessione comunale relativa all’impianto di distribuzione carburanti sito in Ischia alla Via delle Ginestre per un periodo di 37 anni”.
Dove sta l’errore? Dove sta la fregatura per i cittadini di Ischia? Quante volte dobbiamo pagare questo esproprio?

Quello che abbiamo sotto gli occhi ci è costato, fino ad oggi, la modica cifra di euro 539.232.96.
Il comune, nel frattempo, sta provvedendo “per gli oneri ancora occorrenti, come da progetto approvato, sarà finanziata con mutuo della CDP S.p.A., per il complessivo importo di € 614.979,19”.
La Piazza come la vedete costa 1.154.212.15. E non vogliamo conteggiare il finanziamento fatto annullare perché vinto da una “ditta” che non piaceva a certi politici e i 53mila euro che abbiamo “regalato” a questa ditta.
E ci fermiamo qua.

2 Commenti

  1. La cosa più inquietante è quella firma sempre pronta del “pensionato” Gaetano Grasso.
    Quest’uomo è diventato una comodità e nella giornata della lotta alla corruzione,sarebbe utile che questo caso unico in Italia andasse al vaglio degli inquirenti….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui