Questa conversazione non è mai avvenuta

0

ANDREA ESPOSITO
“Per arrivare all’alba non c’è altra via che la notte” Gibran

In un angolo dell’Inferno, viene intercettata da un demone della burocrazia questa conversazione riservata. Uno di fronte all’altro: J. Edgar Hoover (fondatore e storico direttore dell’FBI) ed Ernesto Che Guevara (medico rivoluzionario guerrigliero e politico argentino-cubano). Ciminici dappertutto: sotto i cuscini di pelle del divano, nella zuccheriera di fianco al caffellatte della vecchia checca. Perfino sotto la bottiglia di rum del barbudo.

Muy bièn, mi arrendo. La logica non è il vostro forte!
Non c’è bisogno di offendere, dottor Guevara. Tutti quelli che non la pensano come voi sono dei cialtroni, ignoranti e analfabeti, giusto?
Chè! Dico solo che se lei vuol farmi credere che i maggiori avvenimenti nel mondo siano frutto di un complotto organizzato e gestito da gruppi di controllo nascosto che condizionano l’intero pianeta, deve quanto meno avere in mano qualcosa di concreto che supporti accuse cosi gravi.

Io ho sempre in mano qualcosa, lei lo sa bene. Non mi fraintenda, dottore. Non siamo contro qualcuno ma contro qualcosa.

Basta con gli slogan, direttore! Non potete provare ciò che dite e vi rifugiate nelle minestre riscaldate. Siete opere incompiute, ecco cosa siete!

Opere incompiute, dice? Mi piace… e perché, sentiamo?

Nessuna prova, nessuna evidenza documentata, solo supposizioni, qualsiasi evento trasformato in un piano alle spalle della popolazione inconsapevole. Alla fine, se davvero esistono dei poteri forti, voi siete i loro più grandi alleati!

Perché mai lo saremmo?

Perché spostate l’attenzione dalle cause reali dei veri problemi che minano la nostra vita… inquinamento, corruzione, povertà, ecc… a cause che non esistono e a dimostrazione delle quali non avete alcuna prova. E’ una cosa molto triste!

In effetti lo è. Eppure anche lei non ha le prove di ciò che dice. Dovrei crederle sulla parola?

Non sulla parola, ma sulle argomentazioni. Non mi serve altro!

Non cerchi di imbrogliarmi, dottor Guevara! Ci hanno provato in tanti, sono sopravvissuto a sei presidenti americani e adesso, qui all’inferno, dovrei sottostare alle sue argomentazioni mainstream? Io sono una persona informata, dottore. Mi informo ovunque, ho la mente aperta…

Quello che dice è troppo esagerato per essere sostenibili, clàro?

Chiarissimo, lei è cieco, Guevara! Niente è troppo esagerato per essere vero, niente è insostenibile. Un complotto è sempre inverosimile finché non viene scoperto, ma voi… non volete scoprirlo davvero. Siete pecore ormai!

Le sto portando esempi precisi, direttore. Citando fonti e facendo nomi

Di che nomi parla?

David Robert Grimes, per esempio. Dice che esiste una relazione tra numero di persone coinvolte e durata di un complotto. Più sono le prime, meno dura il secondo.

Stronzate! Se mi consente l’espressione. E perché mai?

Statisticamente diventerebbe improbabile che nessuno si faccia scappare qualcosa o commetta errori. Insomma è improbabile che nulla vada storto!

Solo ideee… e non le condivido. Un complotto, se ben orchestrato, può durare anche in eterno

Ci pensi un attimo, direttore. Pensi alla sua vita! Tutti i complotti globali, dal finto allunaggio alla terra piatta, fino alle scie chimiche e ai vaccini, coinvolgerebbero centinaia di milioni di persone in tutto il mondo e per questo verrebbero necessariamente svelati in brevissimo tempo…o no?

Non necessariamente…

Lei è matto, viejo maricón! Vuol farmi credere che esiste un vertice di una fantomatica piramide che controlla tutto e tiene a bada ogni svelamento?

Esatto! Li chimi illuminati, poteri forti o come diavolo vuole. Quella fottuta piramide esiste e vi usa tutti, ogni giorno.

Ne hai le prove?

Prove? Non ho mai avuto bisogno di prove in vita mia, anche se le ho sempre avute. Non c’è bisogno di sprecarle! Si guardi intorno, dottore. Non li vede i segni, quello che succede in tutto il mondo non le dice niente? Lei è un romantico sognatore, Guevara…e come tutti i sognatori, dorme in piedi!

Non ha senso, le potenze mondiali sono in perenne conflitto tra loro e non si lascerebbero scappare una sola occasione per ostacolarsi a vicenda portando alla luce e denunciando i suoi sotterfugi dell’avversario. Lei la conosce la Guerra Fredda…

Solo superficialmente, non ho fatto in tempo

E la corsa allo spazio, allora? Se lo sbarco sulla Luna fosse stato un complotto, noi comunisti avevamo tutto l’interesse a svelarlo e sputtanarvi. Tra l’altro era facilmente verificabile, sono stati i russi i primi a mandare un uomo nello spazio.

Insomma, cosa sta cercando di dirmi, Guevara?

Che lei mente… e sa di mentire

Tutti mentiamo, dottore. I complotti esistono da sempre, da Giulio Cesare alla Baia dei Porci, dalla crisi dei missili con voi dannati cubani fino alle armi chimiche in Iraq che non ci sono mai state.

Si ma perché?

Perchè… cosa?

Perché i poteri forti, che tutto controllano, avrebbero permesso lo svelamento di quei complotti, ostacolando i loro stessi propositi?

Non lo so, me lo dica lei

Perché non è vero niente, sono tutte stronzate! Tenere in piedi qualcosa del genere, che coinvolge milioni di persone e danneggia interi continenti avrebbe un costo insostenibile per chiunque. Comprare il silenzio di chi ne è a conoscenza, la logistica, le strutture… nessun introito che i poteri forti potrebbero mai intascare li compenserebbe dello sforzo!

Ho sentito parlare di scie chimiche, quaggiù… un’altra invenzione?

Non lo so, direttore. Stavolta me lo dica lei, questo era il suo lavoro. Corrompere piloti, ingegneri di volo, produttori di aeroplani, compagnie aeree, addetti alle torri di controllo, analisti dell’aria, silenziare gli ambientalisti, i governi e gli eserciti di tutto il mondo, acquistare tutto il materiale tossico per irrorare il cielo dell’intero pianeta da almeno 60 anni…

Più o meno… e allora?

Allora,costerebbe migliaia di miliardi all’anno e non produrrebbe alcun vantaggio se non sterminare la razza umana. Dove starebbe il beneficio?

Oddio, ma non capisce vecchio caprone barbuto?! Proprio in quanto globali e applicati a settori che hanno a che fare con la scienza, i complotti hanno bisogno di cooptare gli esperti! Il mondo non se ne accorge, ma i rischi sono enormi e questa gente è pronta a correrli. Si svegli Guevara!

Vuol parlare di rischi con me, direttore? Mi viene da ridere! Ho rischiato una vita intera per costruire qualcosa che fosse durato! A Cuba i vaccini sono tutti sottoposti a ferrei controlli e qualunque medico ricercatore può individuare il loro contenuto e verificarne le conseguenze sull’uomo.

Questo non esclude che in alcuni casi possano essere dannosi, no?

Si, ma se fossero dannosi tutti i medici e i ricercatori del mondo avrebbero la possibilità, grazie alla loro competenza, di scoprirlo. Sul lungo termine, dunque, tenere in piedi un complotto del genere sarebbe impossibile perché significherebbe corrompere al silenzio tutti i medici del mondo!

Insomma vuol dirmi che, se il complotto coinvolge la scienza, è impossibile inscenarlo senza che nessuno degli esperti se ne accorga? Dio mio che ingenuo! Beata innocenza!

Quindi tutti gli esperti del mondo sono coinvolti in un complotto per inocularci merda letale?

No, non tutti. Solo alcuni

Ne hai le prove, direttore?

Non ne ho bisogno. Si guardi intorno, Guevara. Il mondo sta andando a puttane e lei vuole le prove?

Come pensavo, non mi meraviglio. I vostri teoremi finiscono tutti allo stesso modo!

Di che diavolo di fine sta parlando?

La solita, sempre la stessa. Straordinari piani segreti globali, orditi da persone influenti, esperte, capaci di tutto e in grado di corrompere e costringere al silenzio il mondo intero, pronti a prevedere ogni particolare e conseguenza e tenerli tutti nascosti per decine di anni… e poi?

Poi… cosa?

Compiono degli errori banalissimi ma clamorosi e vengono scoperti dal primo coglione che passa!

Non è così semplice. Prenda per esempio le foto dello sbarco sulla luna, sono un falso storico, io lo so bene e lo sospetta anche lei. Si vedono le ombre proiettate sul terreno dai soggetti. Ma in quel momento a Tricky Dick Nixon il mito della conquista dello spazio faceva comodo…

Ferma tutto, voglio scendere! Posso sopportare l’omicidio di JFK o il Russiagate, roba forte eppure riesco ancora a digerirla, ma questa…

Cos’è che non riesce a digerire, sentiamo? Non la vede l’ombra dietro ad Armstrong, come la spiega?

Quindi mi sta dicendo che la NASA ha investito miliardi per costruire un finto razzo, corrotto tutti, compresi i servizi segreti russi, per non far svelare il complotto, coinvolto centinaia di migliaia di persone per fingere il lancio, oltre a tutta la stampa mondiale. Poi ha creato ad arte un set cinematografico studiandolo nei minimi particolari per non destare alcun sospetto. Ma alla fine…

Alla fine cosa?

Si è dimenticata di cancellare le ombre dalle foto e le ha fatte circolare tranquillamente per il mondo?

Esatto, proprio così. Cos’è che non le torna, comandante? Le sembra incredibile, troppo assurdo che ci siano stati errori anche da parte nostra … e invece è cosi. Lei lo chiama difetto logico ma in realtà, semplicemente, lo rifiuta! Rifiuti che esistano congiure complesse che spesso non garantiscono un risultato rispetto all’obiettivo prefisso. Invece è esattamente così che va. Anche i poteri forti non sono infallibili e … anzi, a volte sono dei gran paraculi!
Il Chè scoppia a ridere: – Lasciamo perdere, direttore. Non convince un vecchio rivoluzionario come me solo con un paio di battute! E poi … naturalmente questa conversazione non è mai avvenuta, giusto?

Naturalmente, dottor Guevara. Naturalmente!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui