Quella pioggia nemica | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 13 ottobre 2020

1

Una pioggia un po’ più intensa mette a nudo i limiti di quell’isola friabile di cui ho avuto modo di scrivere in più occasioni e che, specialmente dal 30 aprile del 2006, dopo la tragedia dell’Arenella, ci fa stare sempre sul chi vive. E per chi possiede una proprietà che ha a che fare con terreni terrazzati è decisamente più semplice comprendere tutte le conseguenze che la forza dell’acqua piovana, se particolarmente copiosa, porta con sé. Nel pubblico come nel privato.

In meno di un’ora, ieri mattina, mia moglie ed io abbiamo dovuto arginare il rischio di un vero e proprio allagamento. Non vivevamo quel problema dal lontano 10 novembre nel 2009: lo stesso giorno in cui, a Casamicciola, moriva annegata la povera Anna De Felice, non ci fu neppure il tempo di rendersene conto che, in pochi minuti, ci ritrovammo il piano seminterrato completamente allagato, due muri di confine gravemente lesionati nonostante fossero stati realizzati da poco e danni inenarrabili alle colture e ai comodi rurali. Il tutto, dopo neppure tre mesi dall’ingresso a casa nuova.

Ovvio che se gestire un fondo privato, in questi casi, comporta rischi, problemi e spese non indifferenti, è oltremodo semplice immaginare quale possa essere la portata di interventi di messa in sicurezza in un panorama geomorfologico come quello di una località come Ischia, dove costoni e colline sono da considerare a rischio per la loro quasi interezza. Tuttavia, non fosse altro che per scongiurare il pericolo di una incriminazione o addirittura condanna per omicidio colposo, senza per questo scomodare il senso di responsabilità di un amministratore pubblico verso i propri concittadini, se io fossi al posto di uno dei nostri sei Sindaci metterei agli atti della Presidenza della Giunta Regionale e dell’Assessorato competente un esposto che li inchiodi alle loro storiche, disattese responsabilità legate alle politiche ambientali sempre annunciate ma mai concretamente attuate. Non si sa mai…

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui