Quel pallone malato ! #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 13 settembre 2020

0

Il calcio è in crisi, amici! Se n’è avveduto anche Andrea Agnelli, che dopo aver esonerato un allenatore scomodo e sgradito, continuandogli a pagare sei milioni l’anno fin quando -eventualmente- non risolverà il contratto in essere per essere ingaggiato altrove, ne ha poi assunto un altro che gli costa poco più di un quarto del predecessore. E come lui, anche Gianluca Di Marzio, esperto di calciomercato su Sky, ha recentemente messo in evidenza lo strapotere di procuratori e calciatori super pagati quale causa principale di questa situazione; manco se lui non debba proprio a loro ed alle relative attività professionali la conoscenza delle migliori notizie di prima mano.

Ma i sintomi principali del cancro di cui sono affetti i bilanci di quasi tutte le società professionistiche italiane sono gli esuberi. A molti è piaciuto far finta di onorare il financial fair play con inspiegabili plusvalenze ed aumenti di capitale inopinati, salvo poi soffrire gli effetti del Covid_19 anche nelle compravendite, che a tre settimane dalla chiusura non solo non registrano particolari transazioni se non sottocosto, ma mostrano la totale impossibilità della maggior parte dei club di monetizzare, vendendo, la liquidità utile a compiere qualche serio rinforzo d’organico. E a quanto pare non ci saranno particolari colpi di scena, se non per qualche affaruccio last minute, ma non certo alle cifre altisonanti cui abbiamo assistito fino allo scorso anno.

Il modello americano è stato fortemente ma tutt’altro che validamente imitato nel calcio italiano, ignorando la possibilità concreta di un calo d’interesse da parte del pubblico (oggi limitato alla sola tivù) e senza tener conto che operazioni stile Cristiano Ronaldo per trentun milioni di stipendio annuo non avessero certezza, qui da noi, del giusto ritorno.

E chissà che proprio questa crisi del calcio non porti presto alla rivalutazione degli sport ancora abbastanza puliti e senza troppi interessi economici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui