Quattro sconfitte in una per Ischia | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte 23 settembre 2020

0

Ha scritto bene ieri il Direttore Gaetano Di Meglio: con le ultime elezioni Ischia ha perso a tutto tondo. E per più di un motivo.

Prima sconfitta: De Luca è riconfermato Presidente della Regione Campania e, con lui, la pletora di consiglieri vecchi e nuovi (con forte prevalenza dei primi) che non ha mosso un dito affinché la nostra Isola potesse in qualche modo ottenere qualche miglioramento rispetto al suo status precedente alla prima elezione dello “sceriffo” del 2015.

Seconda sconfitta: Maria Grazia Di Scala, che piaccia o no, unica voce qualificata che ha portato le esigenze della comunità isolana all’attenzione del Consiglio, non è stata rieletta. Maria non ha certo problemi, tornerà a fare l’ottimo avvocato che era, restando consigliere comunale a Barano; ma ancora una volta la frammentazione del consenso con candidature ischitane comunque infruttuose in entrambi gli schieramenti, con esponenti “vicini” che hanno sposato la causa del carro vincitore, hanno privato tutti noi di un preziosissimo punto di riferimento.

Terza sconfitta: lo spettacolo inverecondo dello spoglio elettorale in quel di Lacco Ameno, che fino a tarda sera di ieri ancora non era in grado di fornire, attraverso una struttura di discutibile competenza e -pare- anche al limite della legalità, certezza sul risultato finale e sulla sorte di un paese in preda ad una spaccatura sociale senza precedenti. Lo scontro fratricida tra Pascale e De Siano, poi, ha messo in luce i limiti di una comunità ancorata a schemi a dir poco arcaici che tengono in ostaggio la capacità di guardare oltre i confini del pur piccolo territorio e che rendono sempre più indispensabile il passaggio al Comune Unico dell’Isola d’Ischia.

Quarta sconfitta: ne ho appena scritto. Con la vittoria di De Luca, per i prossimi cinque anni, la possibilità del Comune Unico continuerà a restare una chimera. Detto in soldoni: i favorevoli possono toglierci definitivamente il pensiero! Non ci avevate pensato?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui