Quando tanto e quando niente

3

Sandra Malatesta | Stare in casa per tanti giorni con un silenzio irreale ci aveva ovattati e portati a noi, alle nostre famiglie,al focolare. Poi,piano piano, la vita sospesa è scesa a terra nella realtà e oggi sembra una vita troppo vissuta come se niente fosse stato. Noi ischitani siamo stati bravi..abbiamo rispettato le regole…limitato i danni anche se abbiamo avuto vittime a Villa Mercede e il povero Claudio Picconi che quasi sembra un agnello sacrificale. Lui..con quella sua dolcezza, quel modo umile ed educato di fare proprio lui si..è stato vittima di questo virus a 70 ancora da compiere e come lui altre vite che non conosco ma che meritano rispetto e pensieri. Adesso però dobbiamo essere più bravi ancora..ed è difficile sapete?Quando la libertà è a portata di mano non si riesce a imbrigliarla…anzi sembra un sogno tornare a fare quello che si faceva prima..sentire rumori voci..andare a mare…molti a lavorare..ma è un sogno da cui non dobbiamo svegliarci ma che dobbiamo tenere nei nostri pensieri protetto e desiderato. Io capisco la voglia di stare insieme la capisco,la provo anche io..ma stiamo attenti..non dimentichiamo..La nostra isola vive soprattutto di turismo e il Sabato e la Domenica arrivano tante persone che poi ripartono..molti alberghi apriranno per pochi mesi a personale ridotto e sulle spiagge lettini e ombrelloni sono distanziati così come nei ristoranti i posti intorno ai tavoli..e anche in chiesa. Vorrei proprio che soprattutto i giovani stessero attenti di più. Voi ragazzi e ragazze che siete nell’età più bella..pensate a noi che rischiamo di più..pensate ai vostri nonni e ogni volta che vi verrà da stringervi per strada..fermatevi un attimo e poi sorridetevi..Lo sto dicendo perché passando una sera in macchina a Ischia ho visto tanti giovani stare vicini vicini alcuni proprio attaccati..e questo in passato era qualcosa di tenero da guardare..oggi fa paura. Io che non dimentico mai di essere stata bambina e anche giovane..so che quello che sto dicendo è brutto ma so che i giovani sono anche pieni di sogni, di desideri e so che amano le loro famiglie e quindi staranno attenti. La stessa cosa vale per tutti noi diciamo adulti..stiamo attenti..non abbassiamo la guardia..cerchiamo di mandare via questo virus che ci minaccia tanto .che ferma la vita,che cambia equilibri familiari spingendo tanti ad andare a lavorare fuori almeno questi quattro mesi..stiamo attenti..ripigliamoci la felicità di uscire,di andare al mare,al bar,di stare insieme..ma ogni volta pensiamo che dobbiamo stare distanziati ancora,in modo che un domani non lontano,possiamo stringerci forte tutti tutti creando un muro, non di quelli che limitano la libertà, ma di quelli che limitano la vita al virus che non troverà nemmeno un piccolo varco per passare e se ne tornerà da dove è venuto perdendo forza per strada fino a non riuscire a riprodursi più…

3 Commenti

  1. Quanta demagogia.Età pensionabile: riposatevi e non pensate. State calmi, il mondo va avanti anche senza di voi. Tranquilli, che siete ad un passo della tranquillità eterna. Godetevi il presente con i ricordi del passato. Sic.

  2. Non mi sembra affatto demagogia la sua anzi….Sandra si è sempre mostrata nella sua semplicità ,umile e discreta,premurosa ,materna e sincera

  3. Ci vuole veramente poco a capire quanto appropriato ai tempi ed elegante nella forma e nei contenuti sia il post di Sandra Malatesta. Allo stesso modo in cui il pessimo gusto di certi commenti ignoranti risulta sgradevole e fuori luogo anche al più duro dei cuori di pietra. Del resto, ognuno ha il suo stile. “O tempora o mores”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui