Protesta NCC e BUS. Luigi Schiano: “Anche la nostra categoria deve essere presa in considerazione”

0

Piazza del Plebiscito e Piazza Trieste e Trento, nella giornata di ieri, sono state letteralmente invase dalle associazioni e sindacati rappresentati gli operatori del comparto dei trasporti “turistici” i bus (grandi, medi e piccoli) e degli ncc che, a gran voce, rivendicano il diritto di rientrare nelle misure varate dal Governo per la ripresa economica e la tutela dei lavoratori e degli imprenditori. Da Ischia è giunto Luigi Schiano, rederente per Ischia, zona flegrea, Bacoli e Monte di Procida dell’associazione di categoria Asso Campania.

“Come il governo – ci ha dichiarato Luigi – sta aiutando altre categorie imprenditoriale, così anche la nostra categoria deve essere presa in considerazione.” Il corteo, molto numeroso, è stato protagonista di una protesta statica, pacifica e ben strutturata, la cui voce è stata ascoltata dal Prefetto. “Siamo scesi in piazza perché siamo stanchi delle promesse. Adesso è l’ora dei fatti. Ci hanno promesso investimenti a fondo perduto, ma ad ora non c’è nulla. Chiediamo in primis che la Regione Campania si prenda le proprie responsabilità, anche se sono in capo al governo le responsabilità più grandi. Siamo stanchi di non avere risposte.

In Campania vi sono circa 1100 imprese e un comparto di 3000 autobus che da lavoro a tantissimi autisti e all’indotto composto da meccanici, guide turistiche e molto altro. C’è bisogno che qualcuno ci dia delle risposte valide alle nostre problematiche. E’ inconcepibile che gli autobus turistici e gli ncc siano discriminati rispetto ad altri mezzi di trasporto, dato che i posti sono stati dimezzati, a differenza di mezzi, come gli aerei, cui è permesso vendere tutti i posti a sedere senza limitazioni numeriche.

Alla Regione stiamo chiedendo lo sblocco del codice Ateco per ricevere il bonus da 2mila euro, l’affiancamento al servizio pubblico e lo stop alle tassazioni regionali.” Una mattinata fruttuosa, che ha portato, poi, a stabilire una nuova data per un incontro, si spera positivo, con il governo. “Il prossimo 8 giugno saremo a Roma come protagonisti di un tavolo tecnico con il Ministro Franceschini, siamo più che soddisfatti e fiduciosi.

E’ proprio il caso di rimarcarlo: uniti si vince!” ha concluso Luigi Schiano. La protesta, lo ricordiamo, parte dall’esclusione della categoria dei lavoratori nel settori “autobus turistici” e “ncc” da qualsiasi misura approvata, ad ora, dal governo centrale, esclusione che porterà gravi conseguenze all’intero comparto, anche perché gli imprenditori e i lavoratori son davvero allo stremo e, senza aiuti dal Governo, non riusciranno ad affrontare i prossimi mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui