fbpx

Pronti a cambiare? |#4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 24 novembre 2021

Must Read

Il nostro direttore Gaetano Di Meglio ha rivendicato in un suo editoriale, domenica scorsa, il forte e solitario presenzialismo de “Il Dispari” sui principali temi critici del nostro territorio; quelli che, in realtà, dovrebbero rappresentare la priorità della pubblica amministrazione. Ad Ischia, invece, l’informazione locale seria (e quindi spesso impopolare) è riuscita ad incarnare con largo anticipo, sin dai tempi del compianto Domenico, papà di Gaetano, la figura del difensore civico, che nei Comuni -se non erro- è stata poi abolita nella finanziaria del 2020.

Poiché il suo editoriale ha chiamato in causa sia me sia Fabrizio Fiorito (e non anche l’ottima Maria Grazia Di Scala, va detto) quali iniziatori di un processo innovatore della politica locale con “Adesso Ischia”, ponendoci sì in evidenza quale unica reazione seria ed alternativa al vacuo strapotere di chi è attualmente in carica ma comunque definendoci ancora “poca cosa”, colgo l’occasione di questo 4WARD per ricordare a tutti che:
1) ADESSO ISCHIA, ancorché unico nel panorama ischitano, è pur sempre un tentativo lodevole che confida di poter aggregare la gente comune e i grandi elettori intorno a una visione moderna e futuribile della nostra Isola, da coniugare in un programma costituito da interventi seri e percorribili per rilanciare Ischia nel corso dei prossimi anni. E questa idea ambiziosa, una volta raggiunta la giusta partecipazione, avrà comunque bisogno di tempo e, non ultimo, della fiducia degli elettori.

2) L’enunciazione della “lista della spesa” dei problemi che ci riguardano quotidianamente serve a poco. Sappiamo tutti quello che andrebbe risolto per vivere tutti meglio, ma diventa inutile puntare semplicemente il dito contro l’inerzia di chi amministra, perché in quel modo le soluzioni non arrivano, specialmente sugli argomenti di competenza sovracomunale. Piuttosto, è più proficuo dimostrare di avere le carte in regola, quanto a professionalità e competenze, per convincerci della possibilità concreta di adottarle.

Ci vorrà ancora poco per capire se Ischia e gli ischitani sono realmente pronti a cambiare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Proroga dell’allerta meteo: tutte le scuole dell’isola chiuse

In seguito alla proroga dell'Allerta meteo arancione, i sindaci dell'isola hanno disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine...