fbpx
HomeaperturaPromozione. Lacco Ameno, novità societarie in vista?

Promozione. Lacco Ameno, novità societarie in vista?

PROMOZIONE | UNA CORDATA DISPOSTA AD AFFIANCARE CASTAGNA O RILEVARE IL CLUB

Novità all’ombra del Fungo. O, per meglio dire, possibili novità. Il Lacco Ameno ha nuove figure dirigenziali che hanno bussato alla porta del club e che sono in attesa di risposte. Sportivi e imprenditori che avrebbero manifestato al presidente rossonero Salvatore Castagna l’intenzione di entrare a far parte della società. Fino a qualche giorno fa si pensava che la società lacchese dovesse affrontare un solo, grande problema, quello relativo alla nuova guida tecnica visto che Angelo Iervolino è passato all’Ischia, avendo già una discreta base tecnica per fare bella figura nel prossimo campionato di Promozione, avendo diversi elementi che non hanno perso un anno, militando nella categoria superiore, indossando le maglie chi del Barano (la stragrande maggioranza) chi del Real Forio.

Invece Castagna dovrà valutare anche la possibilità di un allargamento della cerchia dirigenziale, il che vorrebbe dire più che probabile cambiamento dei programmi che diventerebbero un tantino più ambiziosi.

E’ intenzione di questo gruppo di appassionati locali di formalizzare la loro richiesta mettendo nero su bianco. Un rappresentante di questa cordata tuttavia avrebbe già informato Salvatore Castagna di questa possibilità. L’attuale presidente rossonero è a conoscenza della composizione di questo gruppo di sportivi, alcuni dei quali nelle scorse stagioni, a vario titolo, hanno già fatto parte del Lacco Ameno.

Come si ricorderà, dopo l’estate 2020 scoppiò la grana relativa al campo “Patalano” e già in quei mesi si sussurrava di una probabile ostruzione da parte dell’amministrazione comunale che avrebbe caldeggiato questo gruppo per un ingresso nel Lacco in sostituzione di Castagna e della ristretta cerchia dirigenziale. Il massimo dirigente rossonero, a più riprese, dichiarò di essere pronto a farsi da parte se si fosse materializzata una proposta seria e concreta per rilevare la società. Da allora di acqua sotto i ponti ne è scorsa in maniera copiosa, il campo “Patalano” ha ricevuto la necessaria agibilità per la disputa degli incontri e degli allenamenti, c’è stata la sospensione prima e poi il blocco definitivo causa pandemia del campionato di Promozione e di quelli giovanili, e di situazioni societarie non se ne è più discusso. Adesso in piazza c’è fermento per questa possibilità che il presidente Castagna dovrà prendere in considerazione.

Un incontro potrebbe esserci in questi giorni per comprendere la volontà di questa cordata e soprattutto se si potrà realizzare il grande sogno degli sportivi lacchesi, ovvero con la presenza di chi finora ha portato avanti il discorso calcistico e di chi ha espresso l’intenzione di fare calcio per alzare l’asticella rossonera. Mettendo da parte la politica che, dappertutto, cozza maledettamente con quell’attrezzo bianco che rimbalza all’interno delle righe bianche di un tappeto verde. «Vogliamo fare calcio per il paese, per il bene dei nostri ragazzi, della storia e della tradizione del Lacco», ci dice un esponente della cordata.

Gli altri articoli
Related News
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui