fbpx

Promozione. D’Ambra «Subito una corazzata ma ci batteremo»

PROMOZIONE | LACCO, DOMANI L’ESORDIO. MISTER D’AMBRA SPRONA I ROSSONERI

Must Read

A distanza di undici mesi, il Lacco Ameno è pronto a ritornare in campo. Non lo farà al “Patalano”, le cui problematiche relative all’agibilità non sono state ancora risolte e dunque al campo della Pannella, i rossoneri potranno soltanto allenarsi. Le partite interne si giocheranno al “Don Luigi Di Iorio” di Barano, alla stregua della passata stagione che, causa pandemia, durò un amen. Inizierà in casa il nuovo cammino del Lacco che domani pomeriggio al Testaccio se la vedrà con l’Ercolanese, una delle due squadre della città degli Scavi. L’altra, che ha rilevato il titolo della Barrese, sarà impegnata domenica al “Mazzella” contro l’Ischia.
Con tre settimane di allenamenti nelle gambe, i rossoneri cercheranno di debuttare con un risultato positivo anche se non sarà facile perché l’Ercolanese, oltre ad essere più avanti a livello di preparazione, ha un organico di tutto rispetto.

I “vecchietti” di mister Gennaro D’Ambra, così come i più giovani, dovranno mettercela tutta per regalare una prima soddisfazione agli appassionati che ad un certo punto hanno seriamente rischiato di dire addio alla squadra del comune del Fungo. La voglia di continuare del presidente Castagna e degli altri soci, ma soprattutto l’entusiasmo e la caparbietà degli stessi calciatori con in testa Luigi Iovene, alla fine hanno prevalso ed ecco che i colori rossoneri continueranno a girovagare per le piazze di questa seconda serie regionale che in buona parte è ancora da decifrare.

«Sabato arriva una corazzata, l’Ercolanese punta al vertice ma noi dovremo cercare di bagnare l’esordio con una prestazione maiuscola sotto tutti i punti di vista», esordisce mister D’Ambra mentre è impegnatissimo nel suo negozio di articoli sportivi, il “Mega Sport” in quel di Forio. «Sappiamo che sarà dura, l’Ercolanese ha in rosa tanti elementi di categoria superiore ma da parte nostra ci faremo trovare pronti e fiduciosi», prosegue l’allenatore che per anni ha guidato le giovanili del Torrione. «Se inciderà il fattore campo? Non è la stessa cosa, il nostro campo ci manca, disputare le gare interne a Barano è un fatto penalizzante ma dobbiamo fare bella figura – sottolinea D’Ambra –. Il nostro campo dove giocheremo le partite è il “Di Iorio” e finché non ci saranno novità, dovremo mentalizzarci e adeguarci».

Tanti i calciatori esperti che riprenderanno la via del campo. A partite dalla coppia centrale difensiva Monti-Ragosta, senza dimenticare il portiere Petrone, il terzino Romano, i centrocampisti Barile e Tessitore (mettiamoci anche Boria che non è più un ragazzino), gli attaccanti Iovene, Riccio e Muscariello. I giovani di belle speranze non mancano. C’è chi arriva dal calcio a cinque come ad esempio Alessandro Iacono.

Domani pomeriggio non sarà della partita l’infortunato Alessandro Barr, mentre Manuel Verde e Faustino Oratore partiranno dalla panchina perché in ritardo di condizione. Rispetto allo scorso campionato, cambierà il sistema di gioco, con due linee da quattro e due attaccanti. Molto probabilmente si comincerà così ma non è detto che mister D’Ambra effettui delle variazioni a campionato in corso. L’importante è ripartire, mettersi alle spalle un anno in cui, oltre al Covid, non sono mancate polemiche con l’amministrazione comunale e trattative societarie. Da domani parlerà solo il campo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Tragedia. Uomo colto da malore, muore sulla strada di casa

Venerdì di dolore e di sgomento. La quiete della comunità isolana e della comunità di Casamicciola Terme, sono state...