fbpx

Procida, non proteggono la Corricella dagli abusi. Arriva il Commissario

Must Read

La Corricella, la parte più “colorata” e famosa di Procida nel mondo non viene “difesa” dall’amministrazione di Dino Ambrosino. Una storia complicata, quella che vi stiamo raccontando, ma che proviamo a sintetizzare velocemente, prima di scendere nel dettaglio.

La Savine srl, chiede al comune di Procida di sanzionare due abusi edilizi del vicino. Dopo diversi atti amministrativi, però, il cliente dell’avvocato Bruno Molinaro, si vede costretto a chiedere al Tribunale Amministrativo di intervenire contro il Comune che non procede. La Sesta Sezione del TAR Campania, un anno fa, pronuncia una sentenza che mette spalle al muro il comune di Procida: “bisogna rispondere!”, è questa la sintesi della sentenza. Il comune non esegue la condanna, passano i giorni (e maturano reati certi per alcuni dirigenti comunali) e in questi giorni è previsto l’arrivo del Commissario Prefettizio, che il Tribunale ha individuato proprio nel Prefetto Pantalone, affinché la pubblica amministrazione risponda alla parte che chiede la sanzione delle opere abusive realizzata dal proprio confinante.

Nell’edizione di domani in edicola scopriremo l’intera vicenda che vede senza nessuna protezione, la baia di Procida che ha affascinato la Apple. I colori, usati per la promozione della Iphone 6, sembra non interessare ai nostri politici!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»
In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»