lunedì, Marzo 8, 2021

Procida capitale della cultura nel segno del south working

Il lavoro agile come strumento di rilancio del Sud. La storia di Luigi, che da Dublino si è trasferito sull’isola: “Mi sono riconnesso con me stesso”

In primo piano

Il saltino. Paura delle dimissioni: Gianluca Trani passa in maggioranza come Antonio e Antonello. Da semplice consigliere comunale

Gaetano Di Meglio | Termina la crisi politica di marzo del comune di Ischia. Gianluca Trani passa da “Ischia...

La “messa” in sicurezza è finita, aprite in pace la “Parrocchia” di Casamicciola

Il comune preme sulla Curia per restituire al culto il sacro luogo. L’occasione è data dalle imminenti festività pasquali. Castagna tuona:“Non posso esimermi dall’informarVi che nulla osta all’utilizzo dell’immobile, pertanto a partire dal 15 marzo 2021 sarà cura del comune assicurare l’apertura della Basilica tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 esclusi il sabato e la domenica, salvo ulteriori disposizioni“

Enzo Ferrandino: “Non ci interessa una operazione zeppa”

Il sindaco azzera i malumori dei suoi e liquida l’apertura di Ottorino Mattera: “apriamo alle forze responsabili”. Una buona “valutazione” per Gianluca?

Procida come laboratorio di felicità sociale. Anche attraverso il south working, il lavoro agile che ripopola i borghi del Sud Italia sfruttando le potenziali dello smart working, sempre più diffuso in tempi di pandemia. Lavorare dall’isola del golfo di Napoli per aziende del nord Italia o per multinazionali con sede all’estero diventa un’opzione interessante, in linea con gli assi strategici del progetto “La cultura non isola”, premiato dal Mibact, come sintetizza il direttore di “Procida 2022 – Capitale italiana della Cultura”, Agostino Riitano: “I giovani sono tra gli agenti critici del cambiamento secondo l’Agenda 2030: creare le condizioni perché lavorino sull’isola è una delle priorità di un programma culturale che punta con forza su innovazione sociale e rigenerazione urbana”.
Il fenomeno è già in atto, come testimonia la storia di Luigi Vitiello, 29 anni, napoletano residente a Dublino, che si occupa di digital marketing in una Big Tech Company. “A causa della pandemia – racconta – nel 2020 mi è stata data la possibilità di ritornare a casa e svolgere da lì il mio lavoro. Dopo l’estate, non ero pronto a tornare in Irlanda: avevo bisogno di esplorare qualcosa di nuovo, ritrovare una dimensione più umana e riconnettermi con me stesso. Ho quindi deciso di trasferirmi a Procida inizialmente per un mese, poi per tre. Me ne sono innamorato: l’isola mi ha aiutato a maturare la consapevolezza che pur rimanendo concentrato sul proprio lavoro si può vivere la vita in modo diverso in maniera più lenta e consapevole. Entrare in sintonia con gli isolani, sfruttare l’ottimo clima, intercettare la vocazione al multiculturalismo di un’isola da sempre aperta all’altro hanno confermato la bontà di una scelta che consiglio a tutti”.
“Procida ha le caratteristiche ideali per diventare uno strategico hub di innovazione per i giovani di tutta Italia. – conferma il sindaco di Procida, Dino Ambrosino – E del resto non è una novità, nella secolare storia dell’isola, che i talenti  la eleggano a proprio privilegiato domicilio”.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Riflessione sul Venerdì Santo, il grido di dolore de “I Ragazzi dei Misteri”

Con chiarezza e frasi dirette "I Ragazzi dei Misteri" illustrano la situazione in cui vive l'associazione e le prospettive...
- Advertisement -