fbpx

Pascale & Co ci riprovano: un porto sotto l’albero. Parte l’esternalizzazione dei servizi portuali..

Ecco il bando per l’affidamento del servizio per il funzionamento dell’approdo turistico di Lacco Ameno per la durata di mesi cinque dal 01 dicembre 2021 al 30 aprile 2022. Né più né meno di quanto si è tentato di fare lo scorso maggio. Procedura sotto soglia comunitaria, per un importo di € 54.377,94

Must Read

Mentre il comune è atteso a un dicembre caldo tra “Lodo” e “Consiglio di Stato”, sul tema porto si apre un’altra parentesi, l’ultimo tentativo di affidamento oltre la Marina di Capitello scarl e tutto ciò che ne discende in termini politici, imprenditoriali ed economici. Infatti con Determinazione Reg. Gen. N. 760 del 23/11/2021 Serv. N. 154 affidamento del servizio per il funzionamento dell’approdo turistico di Lacco Ameno per la durata di mesi cinque dal 01 dicembre 2021 al 30 aprile 2022. Né più e né meno di quanto si è tentato di fare lo scorso maggio.

Gli inquilini di Piazza Santa Restituta non si arrendano alle sentenze ed ai temi della giustizia italiana e puntano, in un modo o nell’altro, a far fuori la società Marina di Capitello Scarl, già concessionaria del porto turistico lacchese in virtù di una convenzione quinquennale, scaduta nei termini  lo scorso 9 giugno. Convenzione che peraltro era già stata considerata risolta dal Comune durante il mandato del Commissario Prefettizio, visto l’inadempimento da parte della società, che non aveva versato i canoni annuali all’ente. Il provvedimento di risoluzione per inadempimento era stato contestato dalla società…

Insomma di carne a cuocere ce n’è. È alla griglia si pone anche l’ultima decisine governativa  lanciata con la nuova approvazione avviso di manifestazione di interesse, modulo di manifestazione di interesse.

Il provvedimento fa fede sulla Deliberazione di G. C. n° 125 del 18 novembre 2021 con la quale, è stato, tra l’altro, deliberato di incaricare il Responsabile del III Settore Lavori Pubblici Enzo D’Andrea, fresco di riconferma, affinché la gestione delle aree e dei servizi portuali afferenti tutte le concessioni demaniali marittime relative agli specchi acquei e alle aree a terra ricomprese nell’Approdo turistico rilasciate in favore del Comune di Lacco Ameno venga esercitata per il periodo 01 dicembre 2021 – 30 aprile 2022 in via diretta dall’Ente nel rispetto della normativa vigente riguardo il settore diportistico disposta con provvedimenti nazionali e regionali ed a condizione che l’Ente rientri in possesso delle aree in virtù degli invocati provvedimenti giudiziali. Quindi di predisporre gli atti necessari al fine di rendere operativo l’approdo turistico ed in particolare di predisporre gli atti necessari per l’esternalizzazione di alcuni servizi ausiliari, secondari, strumentali ed accessori relativi all’approdo turistico di Lacco Ameno, quali il servizio di assistenza all’ormeggio, la vigilanza, la prevenzione e pronto intervento in caso d’incendio, la pulizia dei pontili, l’accoglienza ed assistenza in ufficio, riservandosi la gestione diretta delle aree e dei servizi portuali, quali servizi di supporto specialistico per le attività organizzative e di coordinamento dei servizi e del personale attraverso proprio personale, dandosi atto che le prestazioni da affidare all’esterno consistono in attività ausiliare, secondarie, strumentali, accessorie e non prevalenti, sotto il profilo quantitativo e qualitativo, rispetto alle attività oggetto delle concessioni demaniali dell’approdo di cui il Comune rimane gestore diretto, unico ed esclusivo.

Così è stata attivata la procedura che su tutto prevede  “tariffe determinate sulla scorta di quanto previsto dalla Giunta Comunale con incasso a favore del Comune di Lacco Ameno“.

Salvo Tar

Con ordinanza n. 1587/2021 del 16.9.2021 il Tar Campania, sezione settima, resa nell’ambito del ricorso 2397/2021 ha accolto l’istanza cautelare proposta dal privato e, per l’effetto, ha sospeso i provvedimenti relativi all’ordine di rilascio ed ha – contestualmente – fissato per la trattazione del merito l’udienza pubblica del 30 marzo 2022; ma essendo controversa la questione in ordine al rilascio per causa risolutiva o per scadenza e che l’Ente, per tale ragione, ha già deliberato in merito alla necessità di appellare tale ordinanza cautelare e che l’appello è già in fase di predisposizione e notifica; infatti, l’Amministrazione, in caso di decisione favorevole al Consiglio di Stato di restituzione delle aree relative all’approdo turistico, non vuole trovarsi impreparato per la immediata gestione dell’approdo turistico.

Sono quindi stati predisposto e gli atti necessari per attivare la procedura di affidamento a terzi del servizio di assistenza all’ormeggio, della vigilanza, della prevenzione e del pronto intervento in caso d’incendio, della pulizia dei pontili, dell’accoglienza e dell’assistenza in ufficio dei predetti servizi ausiliari, secondari, strumentali ed accessori, sotto soglia comunitaria, per un importo di € 54.377,94

La presentazione della candidatura non genera alcun diritto e/o automatismo di partecipazione ad altre procedure di affidamento sia di tipo negoziale che pubblico e la presentazione delle offerte,  la richiesta di “documentazione e l’aggiudicazione non vincolano la Stazione Appaltante non sono costitutive di diritti in capo ai concorrenti e la partecipazione alla procedura non dà alcun diritto all’aggiudicazione essendo la stessa doverosamente subordinata alla materiale disponibilità delle aree in capo all’Ente“ questo è quanto si legge agli atti del municipio. 

Infatti, la Stazione Appaltante, si riserva di sospendere, revocare o annullare la procedura di gara in qualsiasi fase della stessa, anche successiva all’aggiudicazione senza che i concorrenti abbiano per ciò, nulla a pretendere. Agli offerenti, in caso di sospensione e/o annullamento della procedura, non spetterà alcun risarcimento o indennizzo.

Si  procederà, successivamente alla ricezione delle istanze di partecipazione alla Manifestazione di interesse, all’affidamento del servizio mediante procedura negoziata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo . Termine ultimo per la ricezione delle istanze di partecipazione il giorno 06.12.2021 alle ore 10:00.Giacomo Pascale&Co ci riprovano. Responsabile unico del provvedimento, l’architetto D’Andrea. Il romanzo sui servizi portuali lacchesi si arricchisce egli ngredienti per farne un sequel non mancano di certo. To be continued…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Proroga dell’allerta meteo: tutte le scuole dell’isola chiuse

In seguito alla proroga dell'Allerta meteo arancione, i sindaci dell'isola hanno disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine...