venerdì, Marzo 5, 2021

Pagliara “Città e tecnologia due grandi alleati dello sport”

In primo piano

Il Consiglio di Stato tentenna… Ma a Lacco Ameno è guerra di denunce anonime

Attesa febbrile per la pronuncia dei massimi giudici amministrativi sulla sorte della “fascia tricolare”: rivince Pascale o è la volta di De Siano?. Con la guerra giudiziaria e politica, prosegue la stagione dei corvi. Denunce apocrife con accuse ai politici. Accusatori e accusati fanno parte tutti della stessa barca

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Reazione Caruso, asfaltato De Siano: “Vuol fare i paragoni sugli incassi del porto? Cosa ha fatto per Serrara Fontana da Senatore?”

L''interrogazione di De Siano contro Del Deo ha una reazione. Immediata, dura, precisa. E arriva dal sindaco di Serrara...
ROMA (ITALPRESS) – “E’ una nuova scommessa a cui tengo. Ed è un’idea a cui stiamo lavorando in sinergia con il ministero, l’Anci, il Coni, il Cip e Sport e Salute: ci siamo resi conto che lo sport in Italia, in questo momento, ha trovato due grandi alleati nelle città e nella tecnologia”. Così Fabio Pagliara, presidente di Fondazione SportCity, illustra le finalità dell’hub indipendente, apartitico e no profit nato con l’intento di promuovere, diffondere e supportare la cultura sportiva in Italia. “Le città stanno prendendo un assetto urbano diverso e stanno cambiando assieme alle esigenze dei cittadini, che cercano il benessere – spiega l’ex segretario generale di Fidal e Fih in un forum nella sede romana dell’Italpress – Era un’idea nata prima della pandemia di Covid-19 e che ora è anche più forte. Prima di questo dramma che stiamo vivendo non era inusuale vedere i parchi e i lungomare così pieni di persone, con la trasformazione delle città in palestre a cielo aperto. L’esigenza di fare sport all’aria aperta, di stare bene e renderlo per tutti è la svolta”. Secondo Pagliara, rappresentante di una cordata che nel gennaio del 2020 ha rilevato il Calcio Catania, la Fondazione nasce “principalmente per la possibilità di affiancare gli enti e le amministrazioni in tre processi: quello culturale, di formazione e della ricerca di un benessere passa attraverso la capacità dello sport di essere decisivo per la salute. Vogliamo, in questo senso, fare una rivoluzione dolce e sorridente”.
(ITALPRESS).


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

In nome del DPCM, aprite le scuole! Siamo seri, responsabili e “vaccinati”

Gaetano Di Meglio | C'è qualche sindaco che ha voglia di difendere i figli di Ischia e ha voglia...
- Advertisement -