Oggi la ripresa ai Camaldoli. Preoccupa Di Vicino

0

 

Riprendono gli allenamenti per l’Ischia Isolaverde. I gialloblu si ritroveranno oggi pomeriggio ai Camaldoli, per iniziare la preparazione in vista del match di domenica contro il Matera dell’ex Saveriano Infantino. I gialloblu, reduci da cinque sconfitte consecutive (record negativo in stagione), devono ancora una volta rivolgere uno sguardo preoccupato verso l’infermeria: sono da valutare, infatti, le condizioni del centrocampista Giorgio Di Vicino, uscito dal campo nella sfida contro la Juve Stabia per una botta al piede. Da prime indiscrezioni non confermate si teme per una frattura ad un dito, infortunio che nei fatti non consentirebbe all’ex giocatore di Napoli e Salernitana di disputare i tanto attesi play-out. Siamo, è bene specificarlo, ancora nel campo delle ipotesi: per un responso definitivo bisognerà aspettare l’esito dell’ecografia a cui il fantasista si sottoporrà nella giornata di oggi. L’Ischia non può fare altro che incrociare le dita, nella speranza di non perdere per strada uno degli elementi più esperti della squadra.
Non sembrano, invece, esserci problemi per Gerardo Rubino, sostituito – al pari di Di Vicino – tra il primo e il secondo tempo della sfida di domenica. L’attaccante isolano dovrebbe essere presente oggi al ‘Kennedy A’ per la ripresa degli allenamenti, al pari dell’esterno Vincenzo Pepe: l’ex Messina dovrebbe finalmente tornare in campo in terra lucana, un rientro importante in casa gialloblu alla luce dell’assenza di un vero esterno di attacco se si esclude il senegalese Kanoute. Per Filosa, invece, i tempi saranno – come è noto – più lunghi: il difensore con un passato a Marcianise e Foggia sta svolgendo la riabilitazione del caso dopo l’operazione al menisco e dovrebbe tornare in campo per gli spareggi al cardiopalma del 21 e 28 maggio prossimi. Prima, però, bisogna chiudere al meglio la regular season per ritrovare la via della vittoria e difendere il terzultimo posto conquistato ieri grazie al Tribunale Federale. Prima, insomma, c’è da pensare al Matera: la squadra dovrà dare segnali di ripresa, in caso contrario c’è già chi parla dell’ennesimo ribaltone in panchina.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui