domenica, Giugno 20, 2021

Nutella amara | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 30 maggio 2021

In primo piano

Oggi il nostro Giornale tratta in modo ampio ed esaustivo l’ennesimo smacco ricevuto dall’isola d’Ischia in un’iniziativa di marketing di caratura nazionale. La Ferrero, in sinergia con l’Ente Italiano per il Turismo, attraverso il claim “Ti amo Italia” già lanciato dallo scorso mese di ottobre, ha indetto un concorso per ampliare le venti località (una per regione) le cui foto sono diventate etichetta ufficiale di una special edition di barattoli della celeberrima NUTELLA che, come recita il comunicato stampa ufficiale, “inneggia alla straordinarietà del nostro paese”. Gli internauti hanno quindi la possibilità di votare entro il 6 giugno un’altra località tra quattro selezionate per ogni regione, da eleggere tra le “privilegiate” che faranno bella mostra di uno dei loro scorci migliori negli scaffali dei negozi e della GDO di tutto lo Stivale.

Il fatto che neppure in seconda battuta, dopo aver selezionato Capri, la Ferrero e l’Enit abbiano considerato Ischia degna neppure di entrare nel contest successivo, lasciando spazio a Napoli, Benevento, Procida e Castellabate, è quanto mai deprimente per quanto giustificato dalla deriva amministrativa che ormai da troppo tempo ha relegato la cultura, l’immagine e la promozione dell’Isola al nulla assoluto. Sarebbe troppo facile sparare sulla Croce Rossa di Via Iasolino e degli altri Comuni locali, ricordando dall’alto di quali esperienze e risultati da amministratore pubblico sarei ampiamente titolato ad incazzarmi, prima che da comune cittadino. Mi limito a farVi notare che nella fase iniziale di una stagione turistica difficile almeno quanto la precedente, in cui sarebbe stato legittimo aspettarsi ben altre iniziative pronte a dimostrare che chi è alla nostra guida ha effettivamente il polso della situazione anziché dormire con la zizza clientelare in bocca, leccarci l’ennesima ferita rispetto a chi, con molto meno di noi, riesce a stare sugli scudi, è uno smacco decisamente insopportabile.

- Advertisement -

1 commento

  1. Il declino della nostra isola e’ iniziato almeno da 25-30 anni.Fino ad allora comunque si e’ campato di “rendita” senza saper esportare il prodotto Ischia verso un turismo di elite Italiano e straniero.Del resto cosa offriamo oltre le terme: il mare. Le spiagge ormai esistono solo in cartolina,Citara con la sua passeggiata distrutta dal mare da anni,Cava dell’Isola franata,Cartaromana non ne parliamo:da un lato privatizzata e dall’altro con le ultime frane dello scorso inverno quasi scomparsa e pericolosa,Maronti pure la’e’ caduto qualche “sassolino”.In primavera si potrebbe fare trekking tra i nostri boschi,ma i sentieri? Fin quando li pulivano i cacciatori tutto a posto,ma adessonon esistono piu’. Caro Davide stiamo finendo nella…Nutella.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

DESIDERIO MUSTAKI’. Francesco Mattera: «Mi corteggiano come se fossi una diciottenne, ma non ho ancora deciso con chi schierarmi»

La campagna elettorale di Serrara Fontana. Il popolare tifoso della Ferrari contesto dal gruppo di Rosario Caruso e dal quello di Cesare Mattera
- Advertisement -