giovedì, Marzo 4, 2021

Novartis, nel 2020 in crescita fatturato e innovazione

In primo piano

Il Consiglio di Stato tentenna… Ma a Lacco Ameno è guerra di denunce anonime

Attesa febbrile per la pronuncia dei massimi giudici amministrativi sulla sorte della “fascia tricolare”: rivince Pascale o è la volta di De Siano?. Con la guerra giudiziaria e politica, prosegue la stagione dei corvi. Denunce apocrife con accuse ai politici. Accusatori e accusati fanno parte tutti della stessa barca

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Reazione Caruso, asfaltato De Siano: “Vuol fare i paragoni sugli incassi del porto? Cosa ha fatto per Serrara Fontana da Senatore?”

L''interrogazione di De Siano contro Del Deo ha una reazione. Immediata, dura, precisa. E arriva dal sindaco di Serrara...
ROMA (ITALPRESS) – Anno proficuo per Novartis, che ha registrato nel 2020 una crescita del fatturato e nuovi progressi per la sua nuova generazione di farmaci. Il fatturato delle attività in prosecuzione, infatti, che escludono Alcon e comprendono le attività di Innovative Medicines e Sandoz, così come le funzioni di corporate in prosecuzione, è cresciuto del 3%. In particolare, la Business Unit (BU) Pharmaceuticals è cresciuta del 5% trainata da Entresto (+44%), Zolgensma (che ha raggiunto 0,9 miliardi di dollari), Cosentyx (+13%), Ilaris (+31%) e dall’acquisizione di Xiidra (+95%). Mentre la BU Oncology è cresciuta del 3% guidata dalle performance di Promacta / Revolade (+23%), Jakavi (+20%), Kisqali (+45%), Tafinlar + Mekinist (+16%) e Piqray (che ha raggiunto 0,3 miliardi di dollari). Stabile invece il fatturato di Sandoz, in linea (-1%) con la crescita del 19% dei Biosimilari. Impatto negativo sulla domanda a causa del Covid-19, in particolare in oftalmologia, dermatologia e nelle vendite al dettaglio di Sandoz.
Il risultato operativo core è cresciuto del 13% (+9%) e il margine core di Innovative Medicines e Sandoz è migliorato, raggiungendo rispettivamente il 35% e il 24% del fatturato, grazie alla crescita del fatturato stesso, alla riduzione dei costi e alla produttività. Il proseguimento dei cambiamenti in Manufacturing and Business Services ha contribuito all’espansione del margine core. Il risultato operativo è cresciuto del 19% (+ 12%), sostenuto soprattutto da fatturato e produttività più elevate, oltre che dalla diminuzione dei costi. L’utile netto delle attività in prosecuzione è cresciuto del 20% (+13%) grazie soprattutto all’incremento del risultato operativo. Il free cash flow d’esercizio è stato di 11,7 miliardi di dollari (-10%), con il più elevato risultato operativo più che bilanciato da pagamenti relativi a questioni legali e dalle minori entrate dovute a disinvestimenti.
Nel corso dell’anno si sono segnate tappe fondamentali dell’innovazione: nuove approvazioni che hanno riguardato Kesimpta (USA), Leqvio (UE), Zolgensma (UE), Tabrecta (USA), Cosentyx per spondiloartrite assiale non radiografica, Adakveo (UE) e Piqray (UE); risultati dei principali studi: Beovu (degenerazione maculare legata all’età), Jakavi (malattia da rigetto del trapianto), asciminib (Leucemia mieloide cronica) e iptacopan (emoglobinuria parossistica notturna, glomeruolopatia). Si è avuto un riconoscimento di breakthrough therapy da parte della FDA per iptacopan (emoglobinuria parossistica notturna) e ligelizumab (orticaria cronica spontanea) e importanti progressi nella costruzione di un rapporto di fiducia con la società: è stata emessa la prima obbligazione sostenibile del settore salute, collegata all’accesso ai farmaci e vincolata al raggiungimento di zero emissioni nette di anidride carbonica entro il 2030. Proposto per il 2020 un dividendo di 3 franchi svizzeri per azione, in aumento dell’1,7%.
Le previsioni per il 2021 per le attività in prosecuzione riguardano il fatturato in crescita a una singola cifra tra bassa e media; risultato operativo in crescita a una singola cifra media, superiore al fatturato. “Nonostante le sfide che ci sono state poste con il Covid-19, Novartis ha realizzato nel 2020 una solida performance, in tutte le nostre priorità strategiche”, ha dichiarato il Ceo di Novartis Vas Narasimhan, commentando i risultati del 2020. “Sul piano operativo, abbiamo incrementato il fatturato e continuato a migliorare i margini operativi core in Innovative Medicines – ha proseguito -. Abbiamo fatto progredire la nostra nuova generazione di farmaci, ottenendo una serie di nuove approvazioni, con in evidenza Kesimpta negli Stati Uniti, Leqvio e Zolgensma nell’UE, così come la nostra ampia pipeline nella fase intermedia di sviluppo di farmaci first-in-class. Guardando al futuro, siamo fiduciosi che i progressi che abbiamo realizzato nell’ambito delle nostre priorità strategiche di azienda focalizzata sui farmaci si tradurranno in una crescita del fatturato e del risultato operativo di qui al 2025”.
(ITALPRESS).


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

In nome del DPCM, aprite le scuole! Siamo seri, responsabili e “vaccinati”

Gaetano Di Meglio | C'è qualche sindaco che ha voglia di difendere i figli di Ischia e ha voglia...
- Advertisement -