Notte Bianca della Vendemmia, un successo tra musica e tradizione

0

C’era il mastro ferraro e l’intrecciatore di cestini, la ricamatrice e la cantina, il milite ignoto e le donne attente a preparare le conserve… un piccolo grande mondo contadino che ha preso vita nel cuore pulsante di Panza, a Forio, grazie alla seconda edizione della “Notte Bianca della vendemmia” fortemente voluta dal Sindaco Francesco Del Deo e dall’Amministrazione tutta. L’evento, organizzato dal Comune di Forio in collaborazione con l’Associazione Culturale Nazionale “Fantasynapoli” con la direzione artistica e regia di Gaetano Maschio e la partecipazione di numerosissime realtà presenti sul territorio (Ass. Actus Tragicus, Banda “Aurora – Città di Panza”, Ass. Folkloristica Monterone con la “Setta Zufuniello”, Ass. I Cavalieri dell’Isola verde, Ass. La Magnosa, Ass. M.A.C.S.S. Ass. Moveo, Pro Loco Panza (sez. teatro) e Parrocchia di S. Leonardo Abate, ha reso, ancora una volta, omaggio alle tradizioni più belle della nostra terra.

Una comoda navetta ha connesso la strada provinciale con l’inizio del percorso lungo il viale che conduce dal Parcheggio Don Cristoforo Di Scala (Cenerentola) dove vi erano le prime postazioni artistiche. Tantissime le persone che hanno scelto Panza per trascorrere una bella serata in compagna e che hanno potuto rivivere le atmosfere tipiche di un tempo. Grazie all’allestimento di opportune postazioni, si sono potute rivedere le varie fasi della vendemmia dalla raccolta dell’uva nelle vigne alla pigiatura a piedi nudi nelle cantine, dall’officina dei mastri bottai all’arte del conservare i prodotti delle terra, ‘e buttiglie ‘e pummalore e il piennolo, fino a giungere alla taverna.

Per le strade e nelle botteghe, poi, erano “presenti” personaggi del passato e lungo le scale della chiesa di S. Leonardo si è potuto assistere a scene di vita vissuta, con l’omaggio a famosi personaggi di Panza. In particolare sono stati ricordati, con affetto, attraverso i testi scritti da Gaetano Maschio, il Dottor Leonardo Castaldi (‘u miereche ‘Amiosche), l’Avvocato Agostino Polito, l’indimenticata Presidente A.C. Lucia Migliaccio, il Soldato presso l’altare della Patria, Zè Monaca ‘e Panza nei pressi della sua abitazione, ed il carissimo Parroco Don Vincenzo Avallone cui Gaetano Maschio ha dedicato un momento molto emozionante. L’omaggio al barbiere, la ricamatrice, il pescatore, che sale a Panza per il classico scambio di prodotti, i balli ed i canti hanno poi arricchito la serata. Non sono mancate le degustazioni gratuite (era possibile effettuare una offerta facoltativa per finanziare il restauro della chiesa di San Leonardo,ndr) dell’ottima pasta e fagioli, le salsicce, le bruschette e il buon vino locale.

Tantissimi applausi, poi, per la sfilata in costume d’epoca curata da “La Magnosa”e lo spettacolo degli “Sbandieratori e Musici Santa Rosa Da Viterbo” per la prima volta ad Ischia.

Una piazza San Leonardo gremita ha salutato, poi, l’arrivo degli “Audio 2” che, accompagnati dalla band, hanno fatto divertire il pubblico presente sulle note dei loro grandi successi e con un tributo a Lucio Battisti.

Gaetano Maschio, direttore artistico e organizzatore di questa edizione della Notte Bianca della Vendemmia, ha condiviso sui suoi canali social una foto di un bambino tra gli attrezzi della vendemmia e ha commentato: “In questa significativa immagine son racchiusi i sentimenti, i valori, le speranze di quanti hanno lavorato in sinergia e con senso di abnegazione alla realizzazione della seconda edizione della “Notte bianca della vendemmia” appena conclusasi. Il grandissimo successo ottenuto rende doveroso merito agli sforzi di tutti e di ciascuno. Ringrazio le Associazioni e tutte le Realtà coinvolte per le emozioni di ieri, che resteranno a lungo stampate nei nostri cuori. Auspico che miei sentimenti, raggiungano Tutti attraverso il passaparola e la condivisione. GRAZIE!”

Un successo che fa già pensare al prossimo anno. “Ringrazio tutti quanti hanno preso parte attiva a questo evento – ha dichiarato il sindaco di Forio, Francesco Del Deo – e tutti quanti hanno scelto Panza per trascorrere una serata tra tradizione e musica. La notte bianca della vendemmia è, senza ombra di dubbio, uno dei grandi eventi imprescindibili del cartellone di appuntamenti foriano,un evento che cresce di edizione in edizione. Complimenti ancora a tutti.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui