“Non mi dire te l’ho detto” di scena il gruppo Pierrot

    Uno spettacolo tutto dal ridere per la quinta serata del premio Ænaria

    0

    c.s. | Quinto spettacolo in concorso per il festival nazionale di teatro amatoriale “Premio Ænaria – Città di Ischia”. Sabato 8 novembre al teatro polifunzionale esordisce l’Associazione culturale Tisette che presenta il Gruppo del Pierrot in “Non mi dire te l’ho detto” scritto e diretto da Paolo Caiazzo. La compagnia napoletana porta in scena una commedia esilarante basata su fraintendimenti ed equivoci. È la storia di Guglielmo, medico affermato e dongiovanni convinto, che per aiutare il suo amico Vincenzo un po’ imbranato con le donne, gli cede la sua casa per un appuntamento galante con una donna conosciuta su facebook, mentendo alla moglie Raffaella e costringendola a lasciare libero l’appartamento. L’appuntamento viene interrotto dalle visite inaspettate di un ispettore dell’ufficio adozioni, un’assistente sociale e il parroco. Che i Social Network siano diventati uno strumento “delicato” è risaputo, così come che la tecnologia e i sentimenti non sempre vadano d’accordo. Stavolta, però, ad andarci di mezzo sono un matrimonio d’interesse ed il rapporto tra due amici dal carattere diametralmente opposto: il primo è un serio dottore che ama divertirsi avventurandosi in storie extra-coniugali; l’altro è un programmatore informatico, dal carattere introverso, che con le donne è pressappoco incapace e preferisce, quindi, tuffarsi nel mondo degli incontri in “rete” col nickname dell’ “Uomo Ragno”. Questo mix di situazioni paradossali ed imbarazzanti vivacizzerà la commedia in due atti regalando risate fino alla fine. Ancora una volta, la penna di Paolo Caiazzo è stata condotta da mano felice. Il testo è ricco di situazioni dalle quali, pur nell’apparente normalità del susseguirsi degli eventi, scaturisce una comicità giovane, intelligente, che la regia ha inteso evidenziare suggerendo agli attori un’interpretazione mai “statica”, ma ricca di continue evoluzioni; un’ interpretazione che, nel pieno rispetto dei canoni del teatro moderno, permettesse loro di trovare riferimenti nel classico umorismo inglese, nel fortunato filone della “commedia”cinematografica. Pur se l’ambientazione partenopea avrebbe consentito, come spesso accade, il ricorso a facili espedienti comici, lo spettacolo intende divertire, invece, basandosi sulla semplicità dell’allestimento e sui ritmi incalzanti. Paolo Caiazzo autore e regista noto al grande pubblico per la sua partecipazione a Made in Sud, nasce  a San Giorgio a Cremano, la stessa cittadina in provincia di Napoli che diede i natali all’attore Massimo Troisi, e muove i suoi primi passi nel mondo del teatro a vent’anni, quando, nel 1987, inizia a frequentare la Bottega Teatrale del Mezzogiorno al Teatro Cilea. Qui, sotto la direzione di Antonio Casagrande e Maurizio Casagrande, intraprende la carriera di “attore brillante”. Grazie all’esperienza con i Casagrande, arrivano i primi riconoscimenti. Nel frattempo comincia la sua esperienza televisiva e dopo un lungo training nelle televisioni private napoletane e campane, per Caiazzo si aprono le porte della televisione “generalista”. Partecipa a trasmissioni televisive e radiofoniche come Quelli che il calcio, Bulldozer, Zelig Off e Colorado Cafè Live. Firma anche una delle “copertine” della trasmissione di approfondimento politico Ballarò. I suoi personaggi più conosciuti sono: il giapponese ‘Ndò (il turista in visita a Napoli e vittima di continui furti della macchina fotografica), Max Playstation (33 enne che impazzisce per il videogioco) e Tonino Cardamone, giovane in pensione. A partire dal 2010, in occasione del centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, i suoi monologhi si segnalano per l’invito al revisionismo di tale ultimo periodo storico. Nel 2012 esordisce al cinema con il film “Impepata di nozze” con la regia di Angelo Antonucci, film uscito in diverse sale e distribuito in dvd da Cecchi Gori Home video. Dal 2013 è autore e cabarettista nella trasmissione Made in Sud, Rai2. Questo premio è offerto da Ambrosino carburanti – Oasis ristorante – Stefania Bianchi family banker della Banca Mediolanum – Ecoferro – Cilindro viaggi e Supermarket del lettore. La campagna abbonamenti è attiva presso il bar la Violetta, il teatro polifunzionale oppure contattando i numeri 3477569844 – 3669376541 o anche inviando una mail a premioaenaria@hotmail.com. Cosa state aspettando? Venite a respirare Ænaria nuova!

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui