Natale si è fermato a Napoli | #4WD

4WARD today di Davide Conte di Martedì 03 Dicembre 2019

0

Non sono nuovo ai mercatini di Natale, che ho vissuto più volte in diverse città europee. Vi si respira un’atmosfera a dir poco unica e, laddove presenti, essi ravvivano anche le località più silenti, lasciandovi convergere una miriade di persone entusiaste, ma soprattutto non solo turisti. E’ indubbio, infatti, che località come Bolzano e Merano abbiano guadagnato nel corso degli anni tantissimi turisti abituali che portano vitalità e ricchezza anche in piccolissimi centri; ma è altrettanto vero che gli stessi indigeni sono tutt’altro che indifferenti a partecipare quasi quotidianamente a questo genere di intrattenimento affascinante, festoso e soprattutto redditizio per tutti. Una sola considerazione: sono stato a Vienna per soli due giorni e l’invasione di turisti è tale da rendere anche la semplice prenotazione di una camera d’albergo o di un tavolo ad un qualsiasi ristorante un’autentica impresa.

Un evento ben organizzato può rappresentare senza alcun dubbio la fortuna di una singola località e, perché no, di un’intera regione. Due esempi fra tutti: “Luci d’Artista” a Salerno, cominciate nel 2006 sull’analogia torinese nata otto anni prima, oggi catalizzatore di migliaia e migliaia di visitatori in una città di mare che, per quanto gradevole, mai era stata considerata come meta vacanziera, men che meno dalla fine di novembre a tutto gennaio. E “Umbria Jazz Winter” a Orvieto, nata nel 1993 quale costola invernale della ben più celebre edizione estiva in quel di Perugia, in grado di regalare una settimana di overbooking assoluto all’affascinante borgo umbro che tra Natale e Capodanno, normalmente, era quasi totalmente assorto nel silenzio delle ferie.

Per noi Ischitani, invece, la “tanta roba” del Natale in terraferma affoga nelle diciotto miglia di mare che ci separano da San Gregorio Armeno e dintorni. Per noi solo le briciole, nell’indifferenza di tutti, immeritevoli più che mai di amministratori locali migliori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui