Morto Domenico Savio, con lui mille battaglie dalle Demolizioni alla “NO Tares“

0

Ida Trofa | Sempre nel cuore e nell’animo, per l’esempio reso, per la grande forza, la caparbietà e l’impegno. Sempre il “Signor Savio“ cosi rivoluzionario anche nella morte sopraggiunta a pochi giorni dall’80esimo compleanno. Fieri, noi de Il dispari di essergli stai accanto in battaglie formidabili come quelle del diritto alla casa di necessità contro le demolizioni di Stato, punto fermo nella storica lotta alla “NO Tares“ di Casamicciola Terme per gli aumenti ingiustificati e squallidi della tassa sui rifiuti.  Domenico Savio, si è spento cosi, nella sua stoica lotta contro la malattia, forte, in silenzio e con grande orgoglio ci ha lasciati ieri. Con Savio muore  lo storico fondatore e segretario generale del Partito Comunista italiano marxista-leninista, il politico, il consigliere comunale di Forio, mobilitatore senza eguali  per le questioni legate ai lavoratori nel comparto turistico, la Sanità pubblica e i collegamenti marittimi, per le tematiche ambientali,  il riconoscimento della casa quale diritto inalienabile all’abusivismo di necessità e l’iniqua tassazione. Fondatore e direttore responsabile dei periodici “L’Uguaglianza economica e sociale“ e “Comunismo“, ha creato una biblioteca tematica con oltre seimila volumi intitolata “Marx-Engels-Lenin-Stalin“, che testimonia come il suo impegno a tutto tondo abbia superato ampiamente i confini territoriali locali e nazionali.

Da infaticabile pubblicista, appassionato di giornalismo si è mostrato sempre a difesa del diritto di cronaca e di opinione, sempre tra la gente, ben saldo nei suoi principi e nei valori del comunismo senza dimenticare mai il buon senso e la correttezza dell’ iter locuzione.  Chapeau Signor Savio! La tumulazione avverrà oggi in forma strettamente privata presso il cimitero di Forio alle ore 15,00.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui