lunedì, Aprile 12, 2021

Mini lancia Cooper SE, per una mobilità a zero emissioni

In primo piano

MILANO (ITALPRESS) – Agli occhi meno attenti potrebbe passare inosservata, ma in realtà i particolari non mancano, dai dettagli colore giallo fluo, alla griglia chiusa, fino all’assetto leggermente rialzato. Ma la vera differenza la si nota un volta al volante. Un display digitale studiato ad hoc per la guida elettrica, con il livello di carica delle batterie, potenziometro e tachimetro. Benvenuti a bordo della nuova Mini Cooper SE elettrica. Una volta schiacciato il pedale dell’acceleratore si sente tutta la potenza dei suoi 184 cavalli che consentono di passare da 0 a 100 Km/h in circa 7″. La sensazione è di guidare un go kart in città: lo sterzo è diretto e preciso e l’auto risponde agli stimoli del guidatore, specialmente ai semafori. La Mini con la spina è una piccola compatta piacevole alla guida. La vettura ideale per tragitti urbani di ogni giorno. Agile, reattiva, dinamica e con una frenata rigenerativa che non passa inosservata, tanto che in città ci si può quasi dimenticare del pedale del freno. Secondo Mini l’autonomia varia da 235 a 270 chilometri e per fare il pieno ci vogliono circa tre ore e mezza con una wallbox, anche se in 30 minuti si arriva all’80% della batteria. Il sistema di navigazione, con un touchscreen da 6,5″ mostra le stazioni di ricarica più vicine; mentre dallo smarthphone si può tenere d’occhio lo stato di carica dell’auto e generare statistiche sullo stato energetico. Ma quanto costa la Mini ad emissioni zero? Il prezzo cambia a seconda dell’allestimento. La full electric è disponibile in quattro taglie: si parte da 33.900 euro per la S fino ad arrivare a 41.500 euro per la XL. La versione più ricca della piccola inglese.
(ITALPRESS).

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Isole covid free: stop al piano di Regione, ASL e Sindaci

Il prossimo obiettivo, però, è quello di evitare di continuare con la clientela da vaccino e con il mercato dell’inoculazione! La moltiplicazione degli hub e la spicciola clientela locale non possono trovare spazio in questa vicenda. La priorità deve essere chiara: annullare la realizzazione del terzo hub del Negombo e realizzare un unico hub al palazzetto dello sport di Ischia dove concentrare le operazioni di vaccinazione.
- Advertisement -