Mario Sironi: “La scuola è sola”

1

Mario Sironi* – Nell’accogliere con sollievo la decisione della Giunta della Regione Campania di spostare al 24 settembre l’inizio delle attività didattiche è forse opportuno fare qualche riflessione. La scuola è un’organizzazione complessa e questa complessità sfugge alla maggior parte di chi pure ne usufruisce.

Negli ultimi mesi si è svolta una discussione francamente inappropriata, da un lato strumentalizzata dalla propaganda dall’altro banalizzata da questioni assolutamente marginali. Eppure sarebbe bastato fare un discorso di verità : alle attuali condizioni e dovendo rispettare le misure di contenimento del contagio, puntare all’essenziale, garantendo qualità didattica e pedagogica di quello che era possibile fare.

Al contempo un serio piano di investimenti, non a pezzi ma organico e pensato, sulle grandi questioni: edilizia, personale e tutti i servizi collaterali (trasporti, mense, servizi sociali e di supporto, reti digitali). Un ruolo attivo e propositivo delle scuole (senza le falsità dell’autonomia) fortemente coordinato (un coordinamento di qualità e non meramente burocratico) con tutti i soggetti interessati (dal Miur agli Enti Locali solo per fare alcuni esempi). Un comportamento da “adulti” in un paese adulto. Ahimè, forse un’aspirazione eccessiva.

  • Dirigente Scolastico IPS Telese, Ischia

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui