fbpx

Mario Lubrano: «Non ci sono le condizioni per giocare in serenità»

LE REAZIONI DOPO IL RINVIO | MARIO LUBRANO SPERAVA IN UNA DECISIONE TEMPESTIVA

Must Read

La Virtus Campania, dopo aver fatto (inconsapevolmente) impazzire il comandante della locale stazione dei Carabinieri (che ad un certo punto avrà pensato di stare su “Scherzi a Parte”), ieri pomeriggio ha potuto finalmente mettere il punto sulla querelle semifinale. «Alla fine ha prevalso la volontà delle due società, seriamente preoccupate per i contagi che stanno rendendo problematica la prosecuzione dell’attività oltre che preoccupare l’intero ambiente. Noi eravamo pronti a giocare ma vorremmo farlo in un momento in cui ci sia un quadro della situazione più chiaro», dice il d.s. biancorosso Luigi Davino.

Il d.s. dell’Ischia, Mario Lubrano, afferma che «si è arrivati alla decisione più giusta e coerente con il momento storico che stiamo vivendo. Allo stesso tempo però, proprio per le motivazioni appena espresse, si sarebbe potuti arrivare a questa decisione con maggiore tempestività. Siamo stati avvisati con una telefonata a poco più di 24 ore dalla disputa della semifinale – sottolinea Lubrano – dopo giorni di incertezza assoluta e dopo un comunicato in cui veniva annunciato il rinvio di tutti i campionati e vietate sia le amichevoli che gli allenamenti congiunti ma venivano altresì confermate le due partite di Coppa Italia fissate dopo 48 ore. L’ufficialità del rinvio è arrivata a meno di 24 ore dall’inizio del match. Con una trasferta da organizzare che comporta comunque una partenza al mattino presto, un trasferimento in traghetto e pullman, la prenotazione di un ristorante ma anche altri aspetti organizzativi come ad esempio la prevendita dei biglietti ai tifosi, chiaramente ci si aspettava una maggiore tempestività e un rinvio che avvenisse qualche giorno d’anticipo. Noi dell’Ischia, nell’incertezza, siamo stati costretti a svolgere la rifinitura quando invece mister e staff tecnico avrebbe potuto programmare una seduta standard in vista della ripresa dell’attività fissata a questo punto con la gara del 15 gennaio contro la Puteolana».

Per il d.s. gialloblù «c’è stata un po’ di confusione ma accogliamo con favore questa decisione reputandola la più giusta. Però non avremmo avuto problemi a scendere in campo. Saremmo stati pronti per affrontare questa partita con tutte le possibilità per uscirne vincitori. Però dobbiamo essere coerenti e ammettere che in questo momento non ci sono le condizioni per disputare la partita in serenità». In merito alle positività, Lubrano spiega che «la situazione Covid-19 per quanto ci riguarda è sotto controllo. Abbiamo avuto delle positività negli ultimi giorni ma fortunatamente la società ci ha dato la possibilità di controllare il gruppo squadra più volte in questa settimana e dunque stiamo svolgendo l’attività nel pieno rispetto del protocollo e in massima sicurezza. Non saremmo andati incontro ad alcun rischio. Ma in questo momento – aggiunge Mario Lubrano – mettere di fronte due società che negli ultimi giorni hanno avuto dei contagi e non si sa che effetti possano avere sul resto del gruppo squadra, avrebbe comportato comunque un minimo rischio che reputiamo giusto evitare facendo slittare l’attività di qualche settimana. Da domani (oggi per chi legge, ndr) ci rimettiamo al lavoro e pensiamo alla ripresa del campionato e ai vari big-match che ci attenderanno nelle prossime settimane».

G.S.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

«Tira» l’abuso e FLASH. Forio, un comune da super eroi

Quando si dice che l’Italia è un paese che ad agosto va in ferie e che è l’unico nel...