Mare pigliatutto | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 17ottobre 2020

0

Mi ha colpito moltissimo la notizia del ritrovamento, pochi giorni fa, di un relitto risalente al II o al I secolo a.C., a ben seicentoquaranta metri di profondità a largo di Pianosa, in Toscana. Un autentico tesoro archeologico, che a quanto pare dovrebbe rappresentare il carico di un trasporto mercantile romano, ritrovato e rilevato assolutamente intatto dopo oltre duemilatrecento anni grazie a una modernissima tecnica robotica.

Il mare ospitale, il mare generoso, il mare che unisce, il mare che quando si arrabbia sul serio non dà scampo, il mare che -soprattutto- inghiotte e digerisce in modo diverso ma ugualmente perfetto qualsiasi cosa gli venga riversato.
Non sempre, pur apparentemente amandolo, il rispetto nutrito per il mare dall’umanità è sufficiente a custodirlo adeguatamente. Basti pensare che per smaltire un sacchetto di plastica tradizionale gli sono necessari dai dieci ai trent’anni, che passano a solo un anno se biodegradabile; da un anno a cinque occorrono per un mozzicone di sigaretta; per barattoli e lattine metalliche ne servono dai dieci ai cinquanta, mentre -udite udite- un assorbente intimo, un pannolino o un pannolone usa e getta resterà negli abissi per ben quattrocentocinquant’anni. Il vetro, invece, al momento non ha un tempo di smaltimento stimabile.

Tutto questo (senza dimenticare ovviamente i tantissimi scarichi reflui domestici e industriali persistenti anche in aree marine presuntivamente o sedicenti protette), continua ad essere oggetto di deposito indiscriminato in quel paradiso blu che nasconde ma non dimentica e, soprattutto, ne risente non poco, vedendo contaminare sempre di più il suo preziosissimo ecosistema.

La sfida di un’amministrazione comunale che si rispetti (e, nel caso di Ischia, di ben sei, tutte aventi a che fare col mare), di questi tempi, dovrebbe consistere nell’adozione di politiche ambientali serie e di immediata attuazione, non certo in opere pubbliche e nomine retribuite di dubbia utilità.

foto: iltirreno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui