fbpx

Manifesto dell’ospitalità: decalogo per una nuova xenia flegrea. Federalberghi Ischia protagonista a Baia

Must Read

Federalberghi Campi Flegrei, Federalberghi Ischia-Procida e Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 hanno elaborato un decalogo per una nuova ospitalità che mette in risalto i principi a cui si ispirano gli imprenditori dello sviluppo economico turistico e culturale dell’area flegrea.

Una NUOVA XENÌA che nasce nei luoghi di origine della Magna Grecia e che si propone come partenza per la nascita di un nuovo concetto di ospitalità.

Xenìa, in greco, significa “ospitalità”: un concetto sacro, che obbliga al reciproco rispetto ospitati e ospitanti, in un rapporto dinamico tra accoglienza e discrezione, condivisione e riservatezza. Ma la parola plurale Xènia, già nei poemi omerici, indica quei piccoli generi di conforto che l’anfitrione regala all’ospite, prima che questi riparta, per rendergli più confortevole il viaggio.

Quello che si auspica è, appunto, un turismo rinnovato, ma d’ispirazione antica, da cui abitanti e viaggiatori riportino il dono comune di un’esperienza improntata al rispetto vicendevole, all’osservanza delle regole di convivenza civile e al riguardo per l’ambiente e il territorio.

Martedì 3 maggio alle ore 10,30 presso il Museo Archeologico dei Campi Flegrei al Castello Aragonese di Baia ci sarà la presentazione del “Manifesto dell’ospitalità: decalogo per una nuova Xénia flegrea”.

Interverranno:

– Felice Casucci (Assessore al Turismo Regione Campania)

– Fabio Pagano (direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei)

– Francesco Maisto (presidente dell’Ente Parco Regionale dei Campi Flegrei)

– Roberto Laringe (presidente Federalberghi Campi Flegrei)

– Luca D’Ambra (Federalberghi Ischia e Procida)

– Agostino Riitano (direttore di Procida Capitale)

– Leonardo Costagliola (assessore al turismo del Comune di Procida)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Maronti ore 15.00, il mare così non può andare!

Sono foto e video dolorosi quelli realizzati da Michele Mattera. Una rappresentazione triste e ingiusta verso tutti: residenti, isolani...