fbpx

L’ultimo ruggito d’«O’lion». Il saluto al Commissario Gennaro Albanese

Must Read

Ugo De Rosa | Nella tarda mattinata di ieri, presso gli Uffici del Commissariato P.S. di Ischia si è festeggiato il collocamento in quiescenza del dr. Gennaro ALBANESE, Commissario e funzionario addetto, spalla destra delle dirigente dr.ssa Maria Antonietta Ferrara.
Una vita nella Polizia di Stato: il ragazzo Gennaro Albanese divenne Guardia di P.S. appena maggiorenne, è poi cresciuto sottufficiale e, in oltre 40 anni di onorato servizio, ha cambiato vari Reparti e Commissariati, fino ad approdare, rimasto poi oltre 20 anni, alla Squadra Mobile di Napoli e lì ha vinto il concorso da Funzionario.

Divenuto Commissario ha poi scelto di chiudere la sua carriere sull’isola più bella del mondo, quella che da sempre ha amato ed ha voluto onorare, prestando qui il suo ultimo anno di una gloriosa carriera, raccogliendo successi e soddisfazioni, ma soprattutto seminando il credo in quei valori che solo i Poliziotti di un tempo possono trasportare alle nuove generazioni.

Lo sbirro, “chill ra’ Medina” (quello di via Medina), “chil ra’ Pisani” (l’uomo di punta della Squadra Mobile, allora diretta dal dr. Vittorio Pisani”, O’lion: sono solo alcuni dei nomignoli attribuiti dagli uomini della malavita partenopea ad un Poliziotto che ha partecipato e condotto operazioni importantissime, dando un serio colpo a varie organizzazioni e consorterie di camorra. Quante minacce, quante notti insonni, quante morti scampate… perché il Poliziotto è protetto dall’Alto ed il bene vince sempre.

Oggi il leone non ha retto: in un commovente e spontaneo abbraccio, le lacrime della dr.ssa Ferrara hanno incontrato il singhiozzare di uno sbirro che sta andando in pensione, ma non potrà mai abbandonare la divisa. Quella gli rimarrà cucita addosso.

A sessant’anni un uomo è ancora giovane, c’è ancora tanta vita davanti: da lunedì prossimo il Commissario Gennaro ALBANESE sarà l’avvocato Gennaro ALBANESE, con nuove prospettive, nuovi orizzonti. Ma sempre col medesimo credo e soprattutto con la consapevolezza che la Polizia gli ha permesso di non vivere una vita sola, bensì tante vite e tante situazioni che a volte sono state trattate a norma di codice, ma che spesso hanno avuto il sapore di profonda umanità.
Vento in poppa dr. Albanese, quest’isola ha avuto l’onore di conoscerla e di sentirsi rappresentata. Grazie per tutto !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

E’ morto mons. Regine, la chiesa di Ischia perde un suo pilastro

A 93 anni, Don Giuseppe Regine, parroco della Chiesa di San Vito è deceduto. Un lutto che colpisce l'intera...