Lockdown 2.0? Una catastrofe assoluta! | #4WD

Daily 4Ward di Davide Conte del24 ottobre 2020

0

Non sono spaventato tanto dal lockdown 2.0 in sé, preannunciato ieri da un De Luca ormai in fuorigiri. Quel che mi sgomenta è entrare in una nuova situazione emergenziale per tutti, con una paralisi generale di cui conosciamo anticipatamente gli effetti senza, peraltro, aver ancora smaltito quelli già subiti e, come se non bastasse, nella totale incapacità di individuare un rimedio serio e non scientifico diverso dal tanto agognato vaccino. Ma soprattutto, trovo deprimente quanto inaccettabile che nessun governo, né nazionale né regionale, sia stato in grado di fare tesoro dell’esperienza vissuta per andare oltre i pochi pannicelli caldi applicati a macchia di leopardo (o non applicati per nulla) sulla fronte di un paese, un popolo, una sanità e un’economia già al collasso e pronti a sfociare nella catastrofe civile più terribile del dopoguerra.

Lo dico e lo ripeto ancora una volta: chi si trova oggi nei posti cosiddetti di potere, scoprendosi decision maker più che mai, non è invidiabile neppure per un attimo per la difficoltà in cui certamente si trova e, di conseguenza, non merita critiche cieche e feroci. E’ fuor di dubbio, però, che ciascuno di noi sia legittimato a chiedersi se il rifugio nella chiusura a tutti i costi non rappresenti la classica scappatoia di comodo, la scorciatoia più agevole per tentare di limitare i danni e, nel frattempo, proseguire con quel vivere alla giornata che molto presto metterà a durissima prova tutti, nessuno escluso.

Oggi il mio proverbiale ottimismo cede il passo a una serie di constatazioni di fatto, tutt’altro che incoraggianti. Tra breve sarà trascorso un anno da quando ci siamo ricongiunti l’ultima volta a nostro figlio che vive negli Stati Uniti e adesso non abbiamo più certezza di poterlo riabbracciare a Natale. Speravamo nel nuovo anno per una ripresa del lavoro, ma i sacrifici da sostenere aumenteranno per tutti. E così via.

Che Dio ce la mandi buona, ma buona sul serio!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui