L’Ischia sbaglia l’impossibile, il Santa Maria ringrazia e vince

0

Simone Vicidomini | L’Ischia torna a casa dalla trasferta di Santa Maria con la prima sconfitta stagionale. I gialloblu perdono per 1-0 allo stadio Comunale di S.Maria la Carità (impianto da poco inaugurato) . Una partita giocata per lunghi tratti sotto una pioggia battente con raffiche di vento improvvise,questo è stato uno dei tanti episodi che ha racchiuso un sabato da dimenticare per Mennella & Co. Gli isolani scesi in campo hanno forse sottovalutato un po’ troppo gli avversari,anche se la differenza tattica in campo si è vista ben poco per la prestazione sontuosa fatta dai giocatori del Santa Maria. Una vittoria per la squadra di Durazzo che difficilmente avrebbe sperato alla vigilia di una gara contro una squadra come l’Ischia. Come detto in apertura,la gara per gli isolani si è messa subito in salita,dopo appena quindici minuti di gioco Sogliuzzo è dovuto uscire anzitempo dal campo per un infortunio. L’uscita dal campo del numero 10, ha gettato nel baratro l’intera squadra,ma lo stesso Monti che in panchina non aveva nessun attaccante per via di Rubino fermo ai box e Iattarelli andato via ad inizio settimana. Insomma una coperta più corta del previsto. I gialloblu hanno avuto l’occasione di sbloccare il match grazie ad un calcio di rigore,ma Saurino ha colpito il palo. Un primo tempo che si è chiuso a reti bianche. Nella ripresa,è tutta un’altra partita,dopo pochi minuti gli isolani si vedono fischiare nuovamente un calcio di rigore; sul dischetto va Trani che si fa respingere per ben due volte,dopo che l’arbitro avevo fatto ripetere il primo tentativo. Purtroppo sbagliare ben tre calci di rigore in una partita contro un’avversario che per lunghi tratti di gara ha giocato sulla cattiveria agonistica,vuol dire che la lucidità è ben poca. L’intera squadra ha offerto una prestazione sottotono (verrebbe da dire pessima) dove si è trovata difficoltà ad imbastire un’azione degna di nota. Alla prima occasione avuta, i padroni di casa hanno trovato il gol che ha sbloccato il match, su un calcio d’angolo battuto da Porzio,prima respinto e poi nuovamente scodellato in area, con Donnaruma più lesto di tutti ha insaccato in rete,sfruttando una dormita della retroguardia isolana. Mister Monti ha provato a provato a mescolare le carte,tenendo conto anche di una panchina a corto di sostituzioni. Inutile i tentavi provati con lanci lunghi in avanti,sfruttando Monti in posizione avanzata. L’Ischia perde una partita fondamentale contro un avversario nettamente inferiore,scivolando al terzo posto in classifica. Nel prossimo turno,i gialloblu saranno di scena nuovamente in trasferta,questa volta a Scampia contro l’Oratorio Don Guanella. Mister Monti in settimana dovrà inventarsi sicuramente qualcosa,anche perché sembra difficile recuperare Rubino,con Sogliuzzo che dovrà star fermo ai box per almeno un mese. Alla riapertura del prossimo mercato dicembrino, la società dovrà rinforzare il reparto offensivo se si vuole puntare al secondo posto in classifica. Per ora piove davvero sul bagnato in casa Ischia…

LE FORMAZIONI- I gialloblu devono rinunciare ancora ad una volta a Rubino per un problema muscolare,f ermo ai box anche Pistola con Iattarelli che in settimana è andato via. L’Ischia è stata schierata in campo con un 4-2-3-1 che ha visto Mennella fra i pali,la linea difensiva formata da Accurso,Chiariello,Monti ed Invernini,il centrocampo con Esposito e Saurino in cabina di regia con Di Meglio,Trani e Castagna a supporto di Sogliuzzo falso nueve

Sul fronte opposto il Santa Maria La Carità di Durazzo è stato schierato in campo con questi 11: Menzione a difesa della porta, più Donnaruma, Colantuono, Russo, Alfano, Ruosco, Di Franco, Marasco,  Granato,Porzio e Sabatino

SOGLIUZZO BRUTTO INFORTUNIO- Avvio sprint dei padroni di casa che provano a schiacciare i gialloblu nella loro metà campo.  Al 15′ minuto,brutta tegola per l’Ischia,brutto fallo di Russo ai danni di Sogliuzzo che rimane a terra dolorante,il numero 10 prova a rientrare ma non alza bandiera bianca (molto probabile si tratta di uno stiramento). Monti dalla panchina manda a scaldare Arcamone che dopo pochi minuti entra in campo,ridisegnando la sua squadra con un 4-4-2 con Castagna e Trani in avanti. 

SAURINO,CHE SFORTUNA- Al 23’ fallo in area di rigore sul neo entrato Arcamone,l’arbitro fischia il penalty. Dagli undici metri va Saurino che spiazza Menzione,ma la sfera colpisce il palo esterno e termina fuori. Al 27’ minuto,si fanno vedere i padroni di casa con Di Franco che ci prova dal limite. Al 32’ minuto,calcio di punzione battuto da Porzio dai metri sull’out di sinistra,che chiama alla parata Mennella a terra complice la barriera che si era aperta nel momento del tiro. Al 44’ minuto,calcio di punizione per i locali dalla distanza, ci prova Porzio,sulla respinta della barriera ci prova nuovamente il numero 10 che lascia partire una sassata velonosa che di poco termina fuori. La prima frazione di gioco termina sul risultato di 0-0.  

DOPPIO ERRORE DI GIGIO, MA POCA LUCIDITA’- La ripresa si apre con un cambio tra le file del Santa Maria,entra Ruocco al posto di Colantuono. Al 48’ minuto,trattenuta in area su Saurino, il direttore di gara indica il dischetto. Dagli undici metri questa volta va Trani, ma Menzione indovina l’angolo e respinge,sulla ribattuta la palla termina in rete ma l’arbitro fa ripetere il calcio di rigore; ci prova nuovamente Trani che sceglie lo stesso angolo a destra e nuovamente l’estremo difensore intuisce e blocca. Incredibile l’Ischia ha fallito il suo terzo rigore in una partita,tutto dovuto alla poca lucidità. Al 52’ minuto, Mennella è bravo ad uscire con i tempi giusti su un tentativo di Granata lanciato nello spazio da Porzio. Al 57’ minuto, ci prova Sabatino,tiro insidioso di poco fuori. 

DONNARUMA GELA- La squadra di casa prende coraggio e si butta in avanti. Al 66′ minuto arriva il gol che sblocca la partita. Calcio d’angolo battuto da Porzio che viene respinto,con la sfera che arriva nuovamente sui piedi del numero 10 che scodella nuovamente in area,sul primo palo arriva Donnaruma che è più lesto di tutti ed insacca in rete il gol del’1-0. Ma che errore della difesa gialloblu che si perde completamente la marcatura del giocatore. Un gol che mette k.o gli ischitani,che provano a gettarsi  all’attacco per cercare il pareggio, sfruttando anche i lanci lunghi con Monti spostato come torre in avanti, ma al 90′, nonostante le tante occasioni, il punteggio dice Santa Maria la Carità 1, Ischia Calcio 0. 

S.MARIA LA CARITA’      1
ISCHIA CALCIO     0 

S. MARIA LA CARITA’: Menzione, Donnarumma, Colantuono(45’s.t Ruocco) Russo, Alfano, Ruosco, Di Franco, Marasco, Granato, Porzio (47’Palumbo), Sabatino. A disp.: Raiola, Vanacore, Iovine, Di Salvatore. Allenatore: Mario Colasanto.


ISCHIA: Mennella, Esposito (71’Aiello), Accurso, Saurino, Chiariello, Monti, Invernini, Trani L., Di Meglio 77’Buono), Sogliuzzo (15’Arcamone), Castagna. A disp.: Romano, Matrone, Ferrandino, Di Sapia, Abbandonato, Buonocore. Allenatore: Giuseppe Monti.

Arbitro: Giuseppe Magnifico della sez. di Caserta (Ass.Ciro Oliviero e Giorgio Punzo di Ercolano) 

Reti: 66’ Donnaruma (S) 

Angoli: 5-5

Ammoniti: Russo, Colantuono, Donnaruma, Porzio (S.M) Arcamone, Esposito, Chiariello, Castagna (I)  

Note: 23’p.t Saurino sbaglia un calcio di rigore, 48’ s.t Trani sbaglia un calcio di rigore. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui