martedì, Giugno 15, 2021

Licenziamenti, mazzata da 160mila euro per GiBì

In primo piano

Marina di Casamicciola condannata a pagare 160mila euro ai dipendenti licenziati

Il giudice del lavoro accoglie le richieste degli ex dipendenti patrocinati dall’avvocato Giuseppe Marziale. Riconosciute ben 12 mensilità. Pronta una nuova battaglia, i ricorrenti chiedono di più: 24mensilità e il reintegro in servizio. Il comune di Casamicciola si è costituito senza esito con il legale rappresentante  Pasquale Baldassarre

E’ stata pubblicata ieri la sentenza della causa di lavoro tra gli ex dipendenti di Marina di Casamicciola ed il Comune termale per il licenziamento dell’autunno inverno 2013.
Il dibattimento si è tenuto  al Palazzo di Giustizia del centro Direzionale di Napoli circa un mese fa.

Discussa il 3 giugno,la causa di servizio  ha reso il suo esito solo il 3 luglio, ieri alla data della sua pubblicazione che in sintesi reca le motivazioni e le deduzioni del dibattimento.
Per il giudice del lavoro i giardinieri Pesce Ciro, Croce Ciro e Iaccarino Luigi e il manutentore idraulico  Senese Giuseppe in forza presso la partecipata prima del drastico taglio dei servizi dovranno essere risarciti. I ricorrenti, patrocinati dall’avvocato  Giuseppe Marziale si sono imposti sull’Ente pubblico rappresentato dal legale Pasquale Baldassarre. A questi sono state riconosciute  12 mensilità arretrate, circa 40mila € ciascuno. Una brutta batosta per i conti pubblici cronicamente asfittici. I lavoratori, in ogni caso,  già preannunciano una nuova battaglia con il riscorso in appello per vedersi riconosciuto di più. Per vedersi riconosciute le 24 mensilità ed il reintegro sul posto di lavoro visto l’ampliamento dei servizi comunali in favore dell’altra partecipata AMCa. Batosta in arrivo per il comune di Casamicciola Terme ed i contribuenti casamicciolesi.

- Advertisement -

2 Commenti

  1. Si cominciano a vedere i frutti dei guai fatti dall’amministrazione di Arnaldo Ferrandino e come al solito i cittadini Casamicciolesi ne pagano le conseguenze!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

SILENZIO D’ANGELI. E’ estate, il commissario di Serrara Fontana sospende le attività edilizie: non bisogna fare rumore

Serrara Fontana: il divieto vale solo per i privati e non per gli Enti pubblici. Nel borgo di Sant’Angelo tutto fermo dal 10 giugno al 30 settembre, nel resto del territorio comunale dal 1 agosto al 15 settembre. Nel mirino anche le attività di svago rumorose. Evidenziata la necessità di garantire la tranquillità di turisti e residenti
- Advertisement -