Lettera al sindaco di Ischia: “Sei una brava persona, ma…”

1

Antimo Puca | Sil dovere di rivolgere un accorato appello a Te, sindaco del Comune di Ischia, al fine di scongiurare nuovi danni ed affinché possa Tu fungere da seme di speranza per il Bene pubblico ambientale.

Sei una brava persona
Noi ischitani Ti abbiamo dato fiducia
Ma Tu, forse senza rendertene conto, forse perché hai privilegiato il consiglio di qualcuno che, forse, Ti condiziona per propri personali tornaconti, hai tradito la fiducia dei Tuoi cittadini. Hai creato danni, iniziando dalla nostra storica piazza degli Eroi, una piazza tutta solo nostra, invidiataci dal mondo intero, hai creato danni alla zona del Mulino, hai ridotto il carcere ad un cubo, impoverendone la architettura storica. Nulla hai fatto per attenuare il danno de La Siena come Ti ha chiesto l’opinione pubblica.

I basolati, storici, risalenti agli inizi del ‘900, che aiutavano le acque piovane a confluire e defluire. Adesso la situazione è peggiorata più del solito anche solo con una semplice pioggerella. Si dovrebbero curare le zone di belvedere, fiore all’occhiello per un auspicabile turismo perbene. E non hai ancora finito. Hai autorizzato il parcheggio in zona Pagoda . Perché tutto questo? Guardare il Tuo, mio, nostro Comune è come guardare se stessi allo specchio. Ma Tu sei contento di ciò che hai autorizzato?

Noi ischitani no. Te lo assicuro. Ci hai fatti piangere non poco. La gente è la gente. Non avrà mai il coraggio di dirTi in faccia queste cose che, sono convinto, nel Tuo cuore ben sai. Il mio augurio per il nuovo anno è che Tu possa prendere le redini in mano finché resterai nella Tua posizione di sindaco e far rifiorire il Comune, piantare quanti più alberi possibile, ripristinare le pinete litoranee, rinverdire la Pagoda, stracciare progetti di morte per il nostro Comune che è anche isola. Abbi il coraggio di allontanare chi fa del male a Te ed all’ambiente intorno. Almeno, un giorno, sarai ricordato per il Tuo coraggio piuttosto che per la Tua mancanza di personalità. Che sei una brava persona lo sappiamo tutti. Ma noi abbiamo votato quella brava persona, non chi si cela sotto e dietro di Te mascherato da persona perbene. Pensaci! Puoi ancora dire no, con coraggio e determinazione, a quanto sta per avvenire di nuovo. Abbi il coraggio di operare scelte severe ma nell’interesse pubblico. Non temere possibili minacce. Chi minaccia è perché Ti teme e teme di perdere quel potere nascosto dietro e sotto di Te. Ma il più forte sei Tu perché sei il sindaco.
Tu sei un padre di famiglia e un cattolico fervente e praticante. Ma devi imporTi di essere un uomo che rispetta l’ambiente ed il territorio in cui vivi e che Ti è stato affidato. Scrive papa Francesco: “C’è una relazione che incide in maniera reciproca,sia dell’ambiente sulla persona, sia della persona nel modo in cui tratta l’ambiente. Ed è anche l’effetto rimbalzo contro l’uomo quando l’ambiente viene maltrattato”.

Ti invito, pertanto, a riflettere su questa correlazione uomo-ambiente così ben declinata dal papa. Dando il Tuo ok a Piazza degli Eroi, il Mulino, il Carcere, la Siena, via Francesco Buonocore, Ti sei assunto una grave e grande responsabilità e come uomo e come cattolico e come sindaco nei confronti della Comunità che amministri. Ritengo, poiché hai la autorità conferitaTi dal ruolo che occupi, che un cambio di rotta, nel senso di un Tuo impegno affinché non vi siano altre co-di-struzioni, sia determinante per garantire condizioni di sostenibilità del nostro territorio e salvaguardia di quel Bene prezioso che è la macchia mediterranea, la pineta Ischiana, il ripristino dei viali alberati ed il rifacimento del carcere agli antichi splendori.(Chi si è macchiato di questi delitti dovrebbe restituire i soldi al Comune, ai cittadini). Diversamente, il nostro Comune e tutto il comprensorio vedranno tempi bui e conseguenze negative per scelte, oramai desuete nel resto dell’Europa, finalizzate ad interessi miopi di breve durata a scapito del Bene Comune,della salute pubblica, deturpazione del paesaggio e della tutela ambientale. Davanti all’urgenza di questo problema, Tu Ti giochi la Tua credibilità e come uomo e come primo cittadino. Sindaco, hai davanti a Te l’occasione per dimostrare che la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica non è una scatola vuota. Tu, attraverso una lotta che salvaguardi ambiente e territorio, puoi gettare il seme per una rinascita della nostra terra, devastata dalla corruzione e dal malaffare per alimentare la speranza.

1 commento

  1. Come non essere d’accordo con quanto scritto dal dott. Puca, ischitano doc, purtroppo senza un’inversione di rotta il vero turismo che merita Ischia non si avvicinerà mai anzi io da osservatore esterno vedo che tanti, napoletani e non, mettono le loro secondo case in vendita proprio a causa di questa progressiva decadenza che Ischia sta subendo.
    Carmine Cammarota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui