Legge di bilancio, Confprofessioni Campania ai Deputati: “attenzione, la manovra penalizza il lavoro autonomo”

0

Confprofessioni Campania, la delegazione regionale della principale organizzazione di rappresentanza dei liberi professionisti italiana, lancia un appello ai deputati campani affinché facciano attenzione alla manovra di bilancio 2020, che – denuncia il presidente Francesco Mazzella – “non solo appare penalizzante per i liberi professionisti, ma cancella, di fatto, conquiste che oramai apparivano consolidate e che rappresentavano prospettive concrete di tutela per il lavoro autonomo”.
Mazzella sottolinea come nella legge di stabilità sia venuta meno la parificazione dei lavoratori autonomi/liberi professionisti alle PMI, anche nei provvedimenti previsti per il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno e nel cosiddetto Fondo “Cresci al Sud”, penalizzando così i professionisti campani rispetto ad altre categorie produttive regionali.
Confprofessioni Campania rilancia così le obiezioni già sottolineate dal presidente nazionale Gaetano Stella davanti alle commissioni parlamentari: “La manovra – aveva denunciato – mette le mani nelle tasche di professionisti e partite Iva ed ignora il diritto dei professionisti ad accedere ai benefici di Industria 4.0 su di un piano di parità con le PMI, disallineandosi rispetto alle discipline previste a livello europeo. I benefici concessi dalla c.d. “nuova Sabatini”, il credito d’imposta per ricerca e sviluppo, le agevolazioni per start-up innovative sono tuttora preclusi ai professionisti”.
I liberi professionisti campani denunciano così un sensibile passo indietro nelle politiche del lavoro, che ripropone una discriminazione che si riteneva superata ed invita i deputati campani ad intervenire in favore di una componente produttiva importante per il sistema economico regionale, in quanto non solo numerosa ma strategica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui