giovedì, Febbraio 25, 2021

Le ultime GPU di Asus ci porteranno nella nuova era di potenza grafica?

In primo piano

Liberate quel pacco. Aiutiamo Francesco

Il grido d’aiuto di un genitore ischitano: «Bloccati alla dogana i prodotti per trattare mio figlio autistico»

Cavascura, 43 anni dopo è ancora disastro ai Maronti!

Ugo De Rosa | 15600 giorni fa, era il 9 giugno 1978 e la montagna franò. 5 morti, 5...

Isole, pioggia di milioni per opere pubbliche e messa in sicurezza di edifici sulle isole

Con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, in data 23 febbraio 2021...

Ebbene si, finalmente sono arrivate le nuove schede grafiche di Asus ovvero le AMD Radeon 6000 siglate TUF Gaming e ROG Strix. L’hype generato negli ultimi mesi per questi prodotti è stato molto alto ma come vedremo tra poco gli appassionati saranno più che ricompensati, possiamo effettivamente dire che n’è valsa la pena aspettare.

Parliamo più nello specifico delle potentissime Radeon RX 6800 XT, senza ombra di dubbio le più potenti GPU mai costruite da AMD.

Quando gli ingegneri ASUS hanno iniziato a lavorare alla scheda ROG Strix LC Radeon RX 6800 XT, la potenza pura di questa gpu ha portato a sviluppare un sistema di raffreddamento in grado di liberare tutto il suo potenziale. Gli appassionati di PC di tutto il mondo già conoscono i vantaggi dei dissipatori a liquido AIO per le loro CPU e molti di loro hanno aggiunto sistemi simili alle loro schede grafiche usando metodi non convenzionali per portare al massimo le performance della GPU.

Per queste ragioni, la GPU Rog Strix ha unito la potenza del sistema liquido con quello ad aria ottenendo così un sistema di dissipazione del calore personalizzato e adattato alle esigenze della scheda grafica. Questo è permesso da una grande piastra che raffredda sia il die GPU, sia i moduli esterni GDDR6 che circondano il chip.

Il calore che proviene da queste componenti, viene trasferito direttamente nel circuito di raffreddamento a liquido e non più all’interno del case, un vantaggio non da poco.

Infine, all’estremità del circuito troviamo un radiatore da 240mm che rappresenta il giusto connubio tra un elevato tasso di dissipazione di calore e ampia compatibilità con i punti di montaggio disponibili nella maggior parte dei case moderni. La scheda, infatti, è dotata di tubi lunghi 600 mm per offrire più opzioni di assemblaggio in un case, anche in spazi EATX. Lo stesso discorso sulla compatibilità, si protrae anche nella motherboard.

Le ventole rimanenti si occupano poi di spostare il calore al di fuori del circuito mantenendo così l’ambiente sempre fresco e al top delle performance.

In questo modo, Asus ha creato dei prodotti molto validi con all’interno dei dissipatori rivoluzionari, in grado di migliorare notevolmente la sicurezza delle componenti hardware

e le performance generali delle loro GPU.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Liberate quel pacco. Aiutiamo Francesco

Il grido d’aiuto di un genitore ischitano: «Bloccati alla dogana i prodotti per trattare mio figlio autistico»
- Advertisement -