martedì, Aprile 13, 2021

Lacco Ameno. C’è il divieto di Sbarco: periodo più breve, stese regole

In primo piano

Via libera al divieto di sbarco anche per il Comune di Lacco Ameno. La giunta comunale, con proprio provvedimento numero 17, ha approvato la proposta del comandante della polizia municipale Raffaele Monti. Nessuna novità sostanziale nel provvedimento. Nessuna novità nella sostanza di un provvedimento valido per qualche settimana in meno ma che conserva le stesse restrizioni dell’amo scorso anno.

Infatti per la stagione turistica 2021 ai fini dell’applicazione nell’Isola d’Ischia dell’articolo otto del codice della strada, concernente la limitazione della circolazione stradale nelle piccole isole, è stabilito che dal 2 aprile al 15 ottobre 2021 è vietato l’afflusso e la circolazione sull’isola d’Ischia (comuni di Barano d’Ischia, Casamicciola terme, Forio, Ischia, Lacco Ameno e Serrara Fontana) degli autoveicoli motoveicoli e ciclomotori, appartenenti a persone residenti nel territorio della regione Campania o condotti da persone residenti nel territorio della regione Campania con esclusione di quelli appartenenti a persone facente parte della popolazione stabile dell’isola.

Nel medesimo periodo è altresì vietato l’imbarco, lo sbarco e la circolazione sull’isola d’Ischia di automezzi comportata superiore alle 26 t. anche se circolanti a vuoto, appartenente a persone non non residenti nella regione Campania. Per il resto solite le deroghe e l’obbligo da parte dell’autorità marittime dei porti interessati al traffico di unità che trasportano veicoli dai per i porti dell’Isola d’Ischia ad emanare i propri provvedimenti finalizzati al divieto di trasporto marittimo di veicoli nei porti dell’isola. Un provvedimento, canonico, in sette articoli che apre così anche a Lacco Ameno come negli altri comuni isolano, la stagione turistica e l’obbligo dei divieti di sbarco.

- Advertisement -

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -