La Pira e Salvini, politica e fede

4WARD today di Davide Conte di Martedì 19 Novembre 2019

1

Due settimane fa ricorreva il quarantaduesimo anniversario della morte di Giorgio La Pira, il “Sindaco santo” di Firenze del primo novecento, parlamentare democristiano dichiarato “venerabile” da Papa Francesco lo scorso anno dopo un regolare processo di beatificazione.

Mi ha sempre affascinato la figura di quest’uomo d’altri tempi scomparso nel 1977, sempre troppo modesto per accettare il titolo di padre costituente e mai domo nel rappresentare la sua profonda fede cristiana in ogni dove.

Politici come Giorgio La Pira, specialmente di questi tempi “di morta fede ed empietà trionfante”, rappresentano esempi apparentemente irraggiungibili, giganti che restano tali per la loro reale statura e non certo per il nanismo imperante di chi li circonda, modelli di competenza e rettitudine fin troppo difficili da imitare ma indispensabili ai giorni nostri per il tentativo di rivalutare una classe politica quasi del tutto priva, a tutti i livelli istituzionali, di quel briciolo di onestà e morale che, come amo ripetere spesso, non si predicano ma si praticano.

Eppure, nel pensare a Lui e dedicargli questo editoriale, mi son chiesto: se Giorgio La Pira avesse vissuto l’epoca di internet, degli haters, dei malcelati veterocomunisti e dei neonazisti fuori dal mondo, delle sardine e dei centri sociali, lui che in ognuno dei suoi interventi pubblici (tanto nel civico consesso quanto nelle aule parlamentari e nelle occasioni istituzionali) cominciava e concludeva con il segno della croce o con l’invocazione alla Vergine, quanto sarebbe riuscito a resistere nel mantenere inalterata la sua indiscussa immagine di grande statista timorato di Dio, anziché diventare oggetto di critiche di massa in stile Salvini-Rosario-Madonnina?

In altre parole, sono i frenetici ritmi della modernità a renderci intolleranti o era il passato “vecchio stampo” ad imporci il giusto rispetto verso il prossimo, anche quello più diverso da noi?

1 commento

  1. Penso che noi, “la gente”, ancora sappiamo distinguere tra una persona che la Fede la vive sinceramente e una che la strumentalizza per meri fini propagandistici e del resto conduce una vita tuttaltro che cristiana. Se poi pure il Papa che si sta sforzando a riportare questa Fede agli origini ha gli haters dietro, è la quasi normale evoluzione della storia e della natura umana. Dove non ci sono più freni, si perdono i limiti e la decenza. Sta a noi “normali” a vivere come esempi positivi e, si spera, contaggiosi alla lunga.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui