fbpx

La Novena disertata | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 5 dicembre 2021

Must Read

Con la prima domenica d’avvento, giorno più giorno meno, ha inizio il periodo che dà la stura ai classici rituali natalizi: addobbi, vetrine a tema, prodotti tipicamente legati alla festa più attesa dell’anno lasciano passare in secondo piano anche l’ulteriore rincaro delle utenze domestiche che avremo da gennaio e che molti di noi, passando da Enel Servizio Elettrico ad Enel Energia, eviteranno quasi del tutto per due anni con un’offerta-presa in giro avallata dal Governo nazionale.

Ma il tempo d’avvento porta con sé, per noi cattolici, anche appuntamenti -vivaddio- religiosi come la Novena dell’Immacolata in quel dell’Arciconfraternita di Santa Maria di Costantinopoli ad Ischia Ponte. Una chiesa, quella in cui si venera la Vergine tanto cara alla mia compianta Mamma, che sembra trasmettere un magico misticismo anche a chi la conosce bene, frequentandola da anni.

Una volta, ma senza riavvolgere troppo il nastro, partecipare alla Novena in Congrega sembrava uno di quei rarissimi ritorni al passato in cui ti immergevi come in un oceano emozionale di rare fattezze: i fedeli numerosissimi, assiepati in ordine sparso nei banchi, erano invece divisi in modo netto tra uomini sugli scaloni lignei di destra e donne su quelli di sinistra. E guai ad arrivare oltre l’inizio del canto delle litanie lauretane, perché si sarebbe stati condannati a seguire l’intera celebrazione (compreso omelia del predicatore, ormai assente) rigorosamente all’impiedi.

È triste, oggi, vedere quel nutrito popolo di Dio ridotto quotidianamente a non oltre cinquanta unità presenti in chiesa. Non intendo esprimere giudizi particolari, per carità, ma neppure accetto che si parli di paura del Covid per mal celare i veri motivi che allontanano la gente da queste celebrazioni.

Al di là dell’ottimo lavoro pastorale svolto da tanti parroci, continuo a sostenere che la chiesa cattolica, ad Ischia ma non solo, debba notevolmente svecchiarsi nei rituali. E le tocca far presto!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Giuseppe è grave, resta al “Rizzoli” perché nessun ospedale napoletano lo accoglie

Il ventinovenne ischitano soffre di un sarcoma e di una patologia che gli provoca trombi a ripetizione che hanno colpito soprattutto le gambe, che sono aumentate di volume in modo preoccupante, e i polmoni. I genitori hanno smosso mari e monti per trasferire il proprio figlio al “Pascale” o altro ospedale napoletano, ma hanno ricevuto solo porte in faccia e silenzi. Gli avvocati che li rappresentano hanno sferrato una serie di diffide e messe in mora al direttore generale del “Pascale” e informando il presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca e il direttore generale nonché coordinatore sanitario Postiglione