La morte Maria Diotallevi: è giallo! Rizzoli nella bufera

1

Maria Diotallevi era una donna nel fiore degli anni, con tutta una vita davanti, da vivere e trascorrere con le sue amate bambine ed i suoi affetti. E’ deceduta senza una ragione apparente. Una ragione clinica sufficientemente valida a chiarire la sua scomparsa. La scomparsa di una donna che aveva sempre goduto di buona salute madre di due bimbe ancora in tenerissima età. Non si può morire cosi a 28 anni. Non si può morire in una maniera cosi atroce ed assurda.

Maria, tra poche settimane avrebbe compiuto 29 anni. Il Natale, la Vigilia sarebbe stata la festa della famiglia, la festa di Maria. Sarà il giorno dei rimpianti e dei perché, della rabbia per non aver potuto fermare gli eventi, impedire la tragica scomparsa di questa madre, di questa donna cosi giovane. Una morte che lascia sgomenti ed attoniti che atterrisce per come è sopraggiunta. Per lunghe ore un mistero irrisolvibile per gli stessi medici che l’hanno avuta in cura.

Maria si era recata lo scorso 29 novembre in ospedale in preda a febbre alta, conati di vomito e difficoltà respiratorie che avevano dato l’impressione potesse trattarsi di uno stato febbrile, l’ennesimo caso da virus influenzale che imperverserebbe sul territorio. Dopo le analisi di rito e una terapia di base, era stata dimessa facendo ritorno a casa con un apparente lieve miglioramento.

Oggi  il tragico epilogo. Nella tarda mattinata la ragazza è stata rinvenuta cianotica, riversa sul pavimento e con evidenti difficoltà di respirazione presso la propria abitazione. Trasportata in codice rosso, al vicino Ospedale Anna Rizzoli è spirata poco tempo dopo essere stata ricoverata in rianimazione.

Ben due arresti cardiaci, probabilmente conseguenti ad altrettante crisi respiratorie. Vani i tentativi di rianimarla, il lavoro disperato dei sanitari del nosocomio lacchese di strapparla alla morte. Alla fine il grande cuore di Maria non ha retto, stroncato da un malanno subdolo e crudele. Solo poche righe su un referto a giustificare la fine di un esistenza. “Infezioni polmonari gravi” sono queste le motivazioni ufficiali riportata sulla dichiarazione di morte. Motivazioni sulle quali bisognerà fare chiarezza.

La salma è stata posta sequestra dal PM di turno e sarà trasferita presso il Secondo Policlinico dove verrà sottoposta ad esame autoptico.

1 commento

  1. mi dispiace moltissimo che sia deceduta da immediato arresto cardiaco e certamente mi sorprende il fatto che i medici dell’Ospedale non abbiano notato alcun sintomo. Io Le auguro che il Signore l’abbia accolta in Paradiso e l’abbia ammessa a godere la luce del suo volto. Preghiamo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui