La Mensa del Sorriso riapre nella bella sede di Piedimonte

0

Anna Coppa | Domenica scorsa 12 gennaio ha avuto luogo l’inaugurazione della nuova sede dell’A.S.S.I.(Associazione Solidarietà Sociale Isolaverde ONLUS ), la Mensa  del Sorriso, in via V. Emanuele numero 15 località Piedimonte . Un nuovo faro al quale persone in difficoltà possono far riferimento .La Mensa del  Sorriso vuole essere una porta aperta per tutti , non solo per un piatto caldo , ma anche come punto di incontro di compagnia di ascolto. Ricordiamo che l’associazione fondata nel 2000 non ha scopo di lucro , è apartitica , apolitica e non confessionale  ed ha finalità esclusivamente umanitarie . La Mensa del Sorriso, invece , è un progetto iniziato nel 2014 dall’A.S.S.I, quando i volontari dell’associazione hanno deciso a proprie spese attraverso donazioni , di prendere in gestione una vecchia pizzeria per fare un luogo familiare un punto di ristoro per i più svantaggiati.

Una chiacchierata con l’avvocato Giovannino Di Meglio, membro attivista dell’associazione da circa cinque anni .

Avvocato, la scelta del nome “La Mensa del Sorriso”?

La Mensa del Sorriso,  perché si rivolge non solo alle persone bisognose economicamente, ma anche alle persone bisognose di affetto , di socialità , di calore umano . Quindi il nostro obiettivo regalare un sorriso a tutti.

Come è gestita l’associazione di cui fa parte ?

Ecco, questa è una cosa molto importante . Ho qui un’agenda con il resoconto delle entrate e delle uscite . Io faccio da tesoriere e annoto tutto : spese gas luce affitto alimentari acqua eccetera , perché ci teniamo alla trasparenza . Non abbiamo supporto da parte di istituzioni politiche religiose civili amministrative e militari . Tutto prende vita dalle forze di volontari .

La politica non ho mai provato nemmeno ad affacciarsi un attimo sull’associazione , visto che ha uno scopo umanitario? 

No, nessuno . Pensa  che ieri all’inaugurazione era presente il sindaco di Barano al quale ho chiesto se poteva pagare la cucina nuova che abbiamo comprato con il forno per la nuova sede . Mi ha risposto che come amministrazione non poteva intervenire . Al che ‘ , io gli ho risposto che la mia richiesta non era rivolta a lui come amministratore , bensì  in veste di cittadino . Nulla! All’inaugurazione , ci tengo a dirlo,  era presente anche l’assessora Di Costanzo , la quale si è presa a carico le spese della nuova cucina. 

Avete riscontrato partecipazione da parte dei cittadini all’inaugurazione svoltasi domenica? Si, tanta. E questo ci ha davvero rincuorati. Ognuno ha portato qualcosa da mangiare , ognuno ha contribuito con una donazione.

La nuova sede . Perché la scelta della zona di Piedimonte?

Perché è una zona lasciata un po’ al buio.  Si tende sempre a volgere lo sguardo verso Casamicciola , Forio, dimenticando le zone alte dell’isola . La nuova sede era un ex macelleria, come zona è anche abbastanza a vista , di passaggio . Nella nuova sede abbiamo pensato di mettere anche una doccia , in tal modo oltre a portare un sorriso , un piatto caldo , cerchiamo anche di aiutare per l’igiene personale . Perché sai , a volte magari c’è anche chi sta molto per strada , un po’ abbandonato a se stesso . E come dice Papa Francesco , a volte un disagiato che ha un cattivo odore viene allontanato ancora di più dalla società.

Papa Francesco. È vero che gli avete inviato una lettera?

Si, abbiamo inviato una lettera a Papa Francesco per ricevere la sua benedizione e offrirgli una tessera onoraria.

Perché Giovannino di meglio decide di entrare a far parte dell’associazione ?

È capitato un giorno per caso . Premetto che amo cucinare , quindi una mia amica che faceva parte dell’associazione mi chiese se volessi impegnarmi un paio d’ore per cucinare per la mensa di sorriso . Accettai.  Poi sai , avvenne  tutto naturalmente . Chi è portato a donare e lo fa con amore , alla fine,  una volta che inizia ha voglia di donare sempre di più. Così, da un paio di ore per cucinare , decisi di entrare a far parte dell’associazione. E sono felice di averlo fatto.

I giovani . Avete mai pensato di coinvolgerli nei vostri progetti , sensibilizzarli?

Si. Alcuni giovani collaborano con noi anche se , effettivamente , partono con un entusiasmo iniziale che poi va sfumando . Noi collaboriamo anche con la magistratura. Per i ragazzi che commettono piccoli reati non punibili con pene afflittive, l’associazione da la possibilità di fargli fare volontariato per uno /due mesi. Rilasciamo poi un attestato che evita loro di sottoporsi a processo. Piccoli reati , ovviamente, tipo superare di poco il limite dell’alcol test.

La Mensa del Sorriso, oltre a ciò che abbiamo già citato, ha delle particolarità nella nuova sede ? 

Si, abbiamo dedicato un tavolo ad ogni volontario deceduto . Un tavolo dedicato a Franco Morgera, un tavolo dedicato a Peppe Taliercio, è un tavolo dedicato a Caterina di Forio. Volontari isolani che ci hanno sempre aiutato . È un modo per ricordarli sempre.

A proposito di ricordare . Cosa vogliamo ricordare ai nostri lettori, ai  nostri amici isolani ?

La mia  premura è di invitare tutti a compiere gesti umanitari , perché essere belli dentro aiuta a essere belli anche fuori . Perché aiutare chi è meno fortunato ti arricchisce . Vi invitiamo a farci visita , perché insieme si può . Perché insieme tutto diventa più bello , e soprattutto perché un sorriso lo meritano tutti . La Mensa del Sorriso vuole essere un faro per tutti : aiutateci a mantenerlo acceso.

E a noi piace concludere con una frase di Madre Teresa : “Quello  che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano,  ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui