La Formisano blocca gli anziani dell’UTC. Stop a Carletto Arcamone e Pino Barbieri

Oggi il consiglio comunale verità. GiBì Castagna arriva al civico consesso con una “paletta rossa” che ha un grande peso. La legge va rispettata...

0

Ida Trofa | La Formisano blocca i “marpioni” dell’UTC. Parere negativo, regolamento alla mano, per la nomina di Carletto Arcamone e Pino Barbieri. Lo zio dell’assessore Carotenuto e l’architetto prediletto della minoranza di Ignazio Barbieri sono fuori dalla rosa dei nomi. Il paesaggio è una cosa seria. Anche per le norme ricadute sull’iter appena iniziato in termini di ricostruzione. Non c’è accordo o scherzetto che regga. La nota protocollo 11620 del 7 ottobre 2019, a 24 ore del consiglio comunale verità, la dice lunga sulla posta in palio. Una nota lapalissiana inviata all’indirizzo del segretario comunale Carmine Testa, del presidente del Consiglio Avv. Annunziata Piro e di tutti i consiglieri comunali. La partita si fa dura per il civico consesso. Equilibri sempre più fragili? Che peso avrà la cacciata di due big come Arcamone e Barbieri?

Intanto l’architetto Maria Grazia Formisano rettifica, in tutta fretta, il suo a parere tecnico e qualche errorino materiale tra un’andata di delibera e l’altra. Solo un annetto di refuso, un 2015 per un 2012 et voilà! Eppure, sarebbe bastato leggere, se non conoscere a rigori di incarichi, il regolamento comunale in materia, ma la politica, si sa, non conosce regolamento. La Formisano cambia e sulla proposta di Delibera di Consiglio Comunale n.39/2019, con riferimento all’oggetto comunica che: “A seguito di ulteriori approfondimenti nell’istruttoria, dalla consultazione delle precedenti delibere di Consiglio no 22 del 05/09/2008 e n 15 del 12/09/2012 risultano come membri facenti parte delle precedenti Commissioni per il Paesaggio i sigg. Carlo Arcamone; arch. Giuseppe Barbieri; si specifica che la Commissione di cui alla delibera Consiliare n° 15/2012 è rimasta in carica fino all’anno 2019 e pertanto entrambi, sono stati membri della Commissione per il Paesaggio per due mandati consecutivi“ scrive l’architetto napoletano rompendo di fatto le uova nel piatto di Giovan Battista Castagna.

Cosi, tra una frittata e l’altra, oggi, al secondo punto all’ordine del giorno in consiglio comunale al Capricho è prevista la trattazione della nomina della famigerata commissione paesaggio con la individuazione dei cinque membri esperti della “commissione locale per il paesaggio per il triennio 2019-2022”.

Una nomina soprattutto problematica per il mancato accordo sui nominativi dopo lo scadere della sua vigenza ormai mesi e mesi or sono. Con personaggi del calibro di Carletto Arcamone e Pino Barbieri fuori, ancora non è dato sapere chi la spunterà tra Luigi Lombardi, Franco Arcamone, Federico Manzi, Davide Brescia e almeno un nome indicato dalle opposizioni di Luigi Mennella e Ignazio Barbieri.

Maria Grazia Formisano non ha dubbi però e “Per quanto sopra, il parere tecnico si rende espresso favorevolmente solo se vengano stralciati i suddetti nominativi dagli elenchi dei candidati per la nomina, il tutto nel rispetto di quanto stabilito dalla legge Regionale 23 febbraio 1982 n° 10 e del RUEC attualmente vigente. Si precisa che per mero errore materiale nel corpo della proposta di delibera in oggetto si è indicata come data della Delibera n.15 il 12.09.2015 anziché 15.09.2012 Casamicciola Terme“. Insomma in rettifica veritas!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui