La Conferenza internazionale sulla Scienza dello Sport sarà virtuale

0

VIENNA – L’International Research Conference è un’organizzazione che si dedica a convocare una grande varietà di eventi di natura accademica presentandoli all’interno dell’allestimento di un convegno annuale.

La Conferenza di quest’anno avrà luogo in particolare tra il 24 e il 25 dicembre in Austria, a Vienna, ossia tra la vigilia e la giornata di Natale. Le discussioni e i seminari attraggono molti personaggi illustri del mondo della medicina e delle scienze motorie, costituendo una grande ricchezza per l’evoluzione scientifica e anche per tutti gli studenti e gli utenti interessati a partecipare.

Sono tantissime le tematiche che verranno affrontate e che ruoteranno attorno all’argomento salute e prevenzione delle malattie attraverso la pratica dello Sport, attuali oggi più che mai.

L’International Conference on Sports Science and Motor Control ha come obiettivo quello di diffondere il sapere accademico riguardo allo sport e di coinvolgere i maggiori scienziati e ricercatori nel campo, perché condividano le loro conoscenze e le scambino tra di loro: in questa maniera può avvenire una commistione interessante tra i risultati delle varie ricerche.

Si tratta, dunque, di una vera e propria piazza, o meglio una classe in cui l’intera disciplina mette insieme materie come appunto quella dell’attività motoria, ma anche la medicina e la psicologia.

Tutti possono partecipare, soprattutto quest’anno dal momento che per via delle nuove disposizioni e dell’attuale situazione di crisi sanitaria, dovuta come sappiamo alla nuova ondata di Covid 19 che coinvolge anche politici, un evento di questo tipo dovrà essere traslato in formato digitale e sicuramente sarà molto interessante a vari livelli.

La partecipazione, dunque, sarà libera, accessibile a tutti coloro che sono interessati agli argomenti trattati e hanno una connessione a internet.

La coordinazione motoria sarà uno dei temi più largamente trattati durante il convegno virtuale, che si terrà sulla piattaforma dedicata al congresso. Si tratta di una capacità fondamentale che va sviluppata per il nostro benessere psicofisico a vari livelli, il quale è anche collegato ai benefici della pratica sportiva anche durante la menopausa.

Anche detta più volgarmente “equilibrio”, la coordinazione nei movimenti può essere allenata in svariati modi. Una delle tecniche migliori, idonea alla pratica fra le pareti di casa, è quella di fare determinati esercizi sopra una pedana vibrante per migliorare la flessibilità e l’elasticità muscolarein abbinamento ad esercizi a corpo libero per il potenziamento della forza che diminuisce con la naturale degenerazione cognitiva. Stimolazioni sensoriali particolarmente utili anche nell’anziano, in cui la perdita di capacità e più accentuata e porta a conseguenze come l’osteoporosi e i blocchi articolari da contrastare con la ginnastica dolce.

In particolare va allenata quella che si chiama propriocezione e lo si fa attraverso esercizi su alcune pedane in assenza di equilibrio:inoltre si può fare qualunque esercizio ad occhi chiusi, a patto che abbia come scopo quello di avere la percezione sia del movimento muscolare, che della posizione nello spazio del proprio corpo. Abilità sulle quali si concentra la Conferenza perché si osserva una marcata riduzione della popolazione, sempre più sedentaria e quindi portata a perdere la percezione dei movimenti nello spazio.

Chiaramente questo tipo di esercizi può essere funzionale per qualsiasi tipo di sport, ma invece se l’obiettivo è quello di migliorare la propria coordinazione in maniera sostanziale bisognerà fare esercizi specifici in base alla disciplina sportiva che si vuole praticare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui