sabato, Maggio 15, 2021

Jessica Lavista e Dino D’Abundo «Maggioranza arrogante mentre i cittadini di Forio fanno la fame»

Opposizione infuriata e sul piede di guerra

In primo piano

Consiglio comunale agitato a Forio con Dino D’Abundo e Jessica Lavista sul piede di guerra, soprattutto per rispondere un po’ all’aria di supponenza, di arroganza e di non ascolto della maggioranza.

Jessica Lavista commenta: «Come si fa a non essere arrabbiati? Voglio dire, il minimo delle regole della buona educazione e del rispetto da tenersi in un civico consesso con i propri pari, siamo tutti consiglieri comunali. Insomma c’è questa maleducazione così palese, così sfacciata con delle risate fatte anche a pagliacciata, non so nemmeno come raccontarlo. Ciò è vergognoso perché non è fatto solo nei confronti di noi consiglieri ma è fatto nei confronti di un popolo che in questo momento, veramente, sta subendo la fame e le angherie di questa pandemia a livello internazionale e ci permettiamo di avere certi atteggiamenti… ciò denota una mancanza di considerazione e rispetto del paese e dei propri cittadini. Questo è l’andazzo che si registra qui a Forio».

– Questa è la cifra politica che portava in evidenza la consigliera Lavista. Dino, penso poi che questa arroganza si riflette sul territorio. Tu prima parlavi di un’arroganza nei confronti di Panza, che è stata abbandonata…

«Io sono figlio di Forio, ma anche di Panza, per cui mi spiace vedere il territorio in condizione dissestata. Non fa piacere vedere via Fumerie chiusa e aver chiesto i danni ai proprietari quando nel 1975 è stata assunta a strada comunale. Oggi c’è una crisi economica per tutte le famiglie e trovarsi un fardello così grande addosso è impensabile, una ordinanza che intimava in 3 giorni di dover risolvere… non ci prendiamo in giro, si vede il territorio. Noi è un anno e mezzo che cerchiamo di fare i bravi, di fare politica, di stare vicini alla maggioranza e dialogare, ma questo non avviene, veniamo derisi in consiglio comunale pensando che siamo degli stupidi. Io mi metto nei panni degli imprenditori, liberi professionisti, padri…. La gente non ce la fa più».

– Se Panza non ride, Monterone piange…

Jessica Lavista: «Però si ride in consiglio comunale e questo è ridere in faccia ai singoli cittadini. Questa è la gravità della situazione».

– A Monterone, dicevate, c’è quest’opera abbandonata, il disastro del parcheggio…

Dino D’Abundo: «L’ha denunciato la grandissima Liliana D’Ambra che ha chiesto dove sia il sindaco. Monterone lo ha votato e fatto vincere e poi è scomparso. Il parcheggio è pronto, c’è stata un’inaugurazione, la notte le luci sono accesi. Pare che debbano stanziare altri 200mila euro non si capisce per cosa. Mi spiace per i monteronesi che vedo allo sbando. L’altro giorno c’erano i ratti».

Jessica Lavista: «Comunque vogliamo dare sempre un messaggio di speranza, nell’essere propositivi e cercare di fare opere buone sia a livello di sicurezza in determinate aree, ma anche per dare un supporto morale ai singoli cittadini».

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Traffico. Da sabato al via le ZTL a Lacco Ameno

Il Comando di Polizia Municipale informa che da sabato 15 maggio p.v. conl’adozione dell’Ordinanza n° 5/2021 sarà riattivato il...
- Advertisement -