Ischia, un atto dovuto

3

Natale è un atto dovuto. Enzo Ferrandino e Luigi Di Vaia non hanno scusanti. Hanno fatto tardi e, volendo essere pignoli, per la fretta hanno steccato Piazza degli Eroi. Solo Piazza degli Eroi. Per il resto, Ischia a Natale è bella! Ma questo non è merito loro. La pallida difesa dell’amministrazione da parte del vicesindaco, affidata ad un post sulla sua bacheca personale (la commissione per la comunicazione voluta da Giosi Ferrandino, infatti, è impegnata a postare e condividere amenità e foto scontate) serve a poco. Ahimè, le colpe che pesano su Enzo Ferrandino e sui suoi utili (solo per loro) colleghi sono tante. E’ inutile ripeterle: dalle pinete (ora arriva mister Vincenzino Zabatta che protocollerà qualche altra letterina con Langella solo per ripicca personale come è stato fatto in passato!) alle strade, all’incuria generale e così via, grida vendetta… ma ci fermiamo qui. Non vorremmo essere accusati di aver interessi con l’avversario (siamo nemici anche con l’avversario e mai come in questi giorni l’evidenza è lampante!) perché critichiamo la maggioranza di Ischia. Il paese è abbandonato. Ostaggio di una classe dirigente che, dopo otto anni, come ricorda il vicesindaco, si dimostra solo e ancora affamata e distaccata dalla realtà. Qualcuno, magari con la necessità di oliare il proprio commercialista, grida allo “show”. Noi non lo facciamo. Piazza Antica Reggia è bellissima. Il platano al porto è il vero simbolo di questo Natale. Ischia Ponte ha quell’essenza magica che si lascia ammirare, ma resta un atto dovuto. Un semplice atto dovuto. #nonvidiciamograzie
Gadme

3 Commenti

  1. Un grande albero nell’aiuola di piazza degli Eroi sarebbe stato di grande effetto scenico,proprio come fu allestito qualche anno fa dalla stessa Amministrazione, uno spettacolo di luci che ancora tanti come me ricordano bene. Un simbolo importante, che trova giusta collocazione nella bella aiuola fiorita per la quale lotteremo affinché rimanga lì,sempre al suo posto. L’aiuola di Piazza degli Eroi è un simbolo di Ischia centro,da sempre, per tutti. rimuoverla vuol dire spostare un “pezzo di storia”, una parte della nostra vita,perché invece non si pensa a riqualificare soltanto la zona dove vi era il distributore di benzina? magari anche con una bella pensilina per le tante persone che aspettano l’autobus? Abbiamo bisogno di opere semplici, funzionali, non di progetti “grotteschi”

    • “le opere semplici,funzionali” magari costano anche poco;per questo non interessano a certi politici.E’ necessario fare qualcosa di grosso (anche se inutile o pure dannoso),perchè solo le spese ingenti generano tangenti sostanziose.

  2. Ciao Gaetano,

    come ti dissi credo sia giusto puntualizzare qualcosa visto che mi hai tirato in ballo.
    Non ho nessuna questione personale con il dipendente di Ischia ambiente da te nominato anzi, forse sarà il contrario, chissà.

    Le mie letterine (perchè un consigliere comunale DEVE mettere per iscritto quando rileva fatti gravi) riguardavano fatti molto gravi avvenuti nello svolgimento del servizio di manutenzione del verde pubblico durante la scorsa amministrazione, e a mio giudizio riguardavano responsabilità di tutta la dirigenza di Ischia Ambiente, dalla direzione a chi “sorvegliava”, escludendo ovviamente gli incolpevoli operai, inviati ad operare allo sbaragio.

    Alcuni dei fatti che documentai furono:

    – Operai di Ischia Ambiente inviati a lavorare in una proprietà PRIVATA per la pulizia e diserbo di un terreno (documentato con foto).

    – Lavori abusivi in una pineta (AREA PROTETTA SIC IT8030022!!), con impermeabilizzazione di una parte di terreno (documentato con foto).

    – Aquisto di materiale al doppio del prezzo che pagano i normali cittadini (pur acquistandone volumi enormi) (documentato con fatture).

    – Smaltimento abusivo di rifiuti speciali in una pineta (ripeto, AREA PROTETTA SIC IT8030022), con precisione lo smaltimento della fanghiglia e del substrato del campo di gioco del mazzella, che ha provocato infestazione di graminacee e danneggiato i sentieri ed il sottobosco, ed in più occasione fu smaltito terreno di scarto e “sfraucatura” (documentato con foto).

    A tutti questi fatti non è mai seguito alcun provvedimento. Evidentemente chi è PLURI-RACCOMANDATO BIPARTISAN può tutto.

    Quindi posso ben capire che tanti non provino simpatia per me, ma non posso farci nulla.

    un caro saluto

    Vincenzo Zabatta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui