Covid-19, un altro positivo nel comune di Ischia

2

“In serata – comunica il primo cittadino di Ischia – ho avuto un’ulteriore comunicazione circa l’esito positivo di un tampone fatto nei giorni scorsi ad un altro nostro concittadino. Ho provveduto a darne comunicazione ai familiari. L’unità operativa di epidemiologia e prevenzione dell’ASL avvierà le procedure per mappare i contatti al fine di circoscrivere i potenziali contagi”.

Un caso che merita attenzione, quest’ultimo, perchè sarebbe collegato alla scelta dei lavoratori dell’Hotel San Lorenzo che avevano deciso per l’autoisolamento dopo aver saputo del decesso di un turista del nord.

Da tempo in isolamento, le condizioni dell’uomo al momento sono sotto controllo.

Il dato ischitano comune per comune
Barano11
Ischia6
Forio4
Casamicciola*1 (guarito)
Lacco Ameno0
Serrara Fontana0


L’Unità di Crisi della Regione Campania informa che sono pervenuti i seguenti dati: presso l’ospedale Cotugno di Napoli sono stati esaminati 234 tamponi di cui 21 positivi; presso l’ospedale Ruggi di Salerno sono stati esaminati 101 tamponi di cui 15 positivi; presso l’ospedale San Paolo di Napoli sono stati esaminati 40 tamponi di cui 8 positivi; presso la Federico II di Napoli sono stati esaminati 20 tamponi di cui 5 positivi; presso l’ospedale Sant’Anna di Caserta sono stati esaminati 116 tamponi di cui 9 positivi; presso l’ospedale Moscati di Avellino ha esaminato 121 tamponi di cui 9 positivi pertanto nelle sessioni del pomeriggio sera sono stati esaminati 632 tamponi di cui 67 positivi
Positivi di oggi: 110
Positivi complessivi: 1309
Test complessivi: 8667

2 Commenti

  1. Sinceramente nel caso dei positivi il rispetto della privacy non lo capisco. Se fossi pisitiva lo direi a tutti, in modo da poter avvertire tutti quelli che sono stati a contatto con me e che magari non ricordo…non è una vergogna aver contratto il virus, è un’evenienza che puó capitare indipendentemente a tutti noi, siamo tutti nella stessa barca e tutte le misure che sono state attuate sono a beneficio di tutta la comunità e non solo del singolo.Allora perchè non coinvolgere tutti?Sarebbe un modo per poter aiutare ulteriormente e far in modo di ampliare la rete degli eventuali contatti e attuare quarantene più serrate, considerando che di sicuro ci sono tantissimi portatori asintomatici inconsapevoli.Invece qui a Ischia (e credo solo qui) tutti zitti zitti, con nomi che girano su chat o per sentito dire…non ne capisco il motivo, il virus non è una lettera scarlatta, é una malattia purtroppo contagiosissima e tutto ciò che puó essere fatto per ridurne la diffusione credo debba essere fatto…anche dicendo” Ehi,sono tizio o caio chi è stato in contatto con me si chiuda in quarantena”…. Gli unici che lo hanno fatto sono i medici infetti, che rispetto e ammiro ancora di più…

  2. Brava Maria ma ad Ischia si nasconde la polvere sotto il tappeto tanto si va in chiesa per hobby poi sta bene mio corpo il resto non interessa non ho potuto citare il proverbio forse un po volgare…ma penso che si è capito….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui